martedì 27 ottobre 2020

CULTURA IN RETE: PROMOZIONE DELLA LETTURA, PRESENTAZIONI DI LIBRI E PERCORSI DI FORMAZIONE PER MAGIONE CITTÀ CHE LEGGE

Vanni Ruggeri
Riprendono gli appuntamenti sulla pagina fb. Magione cultura. Ruggeri: “Scongiurare in ogni modo il depotenziamento dell’offerta culturale”


 Con le nuove limitazioni imposte agli eventi in presenza a causa del permanere dell’emergenza da Covid19, per iniziativa dell’assessorato alla cultura del Comune di Magione riprendono gli appuntamenti sulla pagina Fb Magione cultura con presentazione di libri, incontri con esponenti del mondo della cultura, progetti di promozione della lettura.

“Forte del riconoscimento ministeriale di Città che legge 2020/2021 – spiega l’assessore alla cultura vanni Ruggeri – il Comune di Magione ha attivato una serie di iniziative inserite nel quadro del programma regionale di promozione della lettura, per le quali ha ottenuto anche il cofinanziamento della Regione Umbria. Più che mai in questa fase – prosegue – è essenziale scongiurare il rischio di depotenziamento dell’offerta culturale che si muove intorno alla Biblioteca Vittoria Aganoor e non solo, con progetti e appuntamenti rivolti al vasto pubblico, ma in particolare a studenti, genitori ed educatori, proposti in rete sui canali social, facilmente accessibili e che diventano altrettanti contenuti liberamente fruibili in ogni momento”.

Primo appuntamento mercoledì 28 ottobre alle 18 con Michele Volpi, formatore professionale Nati per Leggere su “Quando nasce un lettore: lettura ad alta voce in età precoce” in cui verranno presentati i benefici della lettura ad alta voce nell’età 0-6 anni, del perché sia importante continuare l’attività di lettura ad alta voce anche successivamente (6-10 anni e oltre) e di cosa significhi diventare promotori della lettura.
Saranno inoltre illustrate le modalità di partecipazione e i contenuti del corso gratuito "Quando nasce un lettore: lettura ad alta voce in età precoce", rivolto a genitori, educatrici, educatori e insegnanti, o semplici interessati, organizzato dal Comune di Magione, assessorato alla cultura, e realizzato con il contributo della Regione Umbria.

Gli appuntamenti proseguono venerdì 30 ottobre, ore 18, con la presentazione del libro del giornalista e scrittore Alvaro Fiorucci “100 delitti. L’Umbria in mezzo secolo di cronaca italiana”. Al dibattito interverranno il magistrato Giuliano Mignini e Marco Brusco, segretario Camera penale.

INFO

Diretta live dalla pagina fb di Magione Cultura:
https://www.facebook.com/Magione-Cultura-934470106583285
I video degli eventi resteranno visibili anche successivamente, nella sezione video della medesima pagina Fb.

CENTRO STORICO. NUOVE APERTURE TRA CUI UN NEGOZIO SPECIALIZZATO IN FUMETTI


Mattia_Vagnetti_Silvia_Burzigotti
Centro storico. Nuove aperture tra cui un negozio specializzato in fumetti

Le tre attività hanno partecipato al bando per l’erogazione di incentivi finanziari per l’insediamento di attività economiche nel centro storico del capoluogo

Tre nuove attività, tutte gestite da giovani, hanno aperto le saracinesche nel centro di Magione partecipando al bando per l’erogazione di incentivi finanziari per l’insediamento di attività economiche nel centro storico del capoluogo.

Tra le nuove aperture, oltre le attività di abbigliamento Chèrie di Laura Gradassi e il Beans traditional tattoo Magione con il tatuatore Celso Fagioli, anche un negozio specializzato in fumetti, La Fumetteria - Comics & More, del disegnatore Mattia Vagnetti che punta con questa scelta: “a diventare un nuovo punto di riferimento per chiunque voglia immergersi in questa straordinaria realtà, facendo, così, tornare le persone a ripopolare il centro storico di questo paese che, negli anni, è riuscito a darmi tanto”. In negozio una selezione editoriale che comprende sia i capisaldi del fumetto che le novità più forti con sezioni dedicate ai giochi di ruolo, giochi di carte collezionabili e articoli di modellismo nonché oggettistica legata alla cultura nerd. A livello di personale, troverà qualcuno estremamente preparato, appassionato e soprattutto con la voglia di parlare e condividere i comuni interessi.

Una passione che nasce da bambino, “quando da piccolo – racconta Mattia -, più o meno a 4 anni, vidi per la prima volta in televisione un episodio di Dragon Ball. Terminata la puntata presi in mano un foglio e un pennarello e cominciai a disegnare”.
“Il mio primo progetto – prosegue Mattia Vagnetti era quello di riuscire a fare del disegno di fumetti la mia occupazione principale, ma, negli anni, avendo sempre lavorato al pubblico, ho scoperto una grande attitudine nel parlare con gli altri. Ora l’obiettivo è diventato quello di promuovere questa arte il più possibile a contatto con la gente. Per questo, al momento, non effettuo vendite online perché il miglior modo per far conoscere questa nuova realtà magionese è lasciare che le persone vengano fisicamente a negozio per riscoprire una diversa esperienza d'acquisto, che non si basi solo sull'acquistare ciò che si vuole ma anche di scoprire ciò che non ci si era (ancora) resi conto di volere”.
“Il bando nasce proprio con la volontà di contribuire ad aiutare i giovani nel realizzare i loro obiettivi – commenta Silvia Burzigotti, assessore alle attività produttive – in un momento così difficile per l’economia in generale. Mi auguro che i loro sforzi vengano compresi e premiati. Come amministrazione stiamo facendo il possibile perché queste piccole imprese, cuore pulsante della vita di un paese senza le quali ci ritroveremmo con centri storici senza vita, possano sostenere il duro contraccolpo che stanno subendo a seguito dell’emergenza sanitaria arrivata a colpire un settore già in difficoltà per i cambiamenti che sta subendo il commercio a livello globale”.


 

giovedì 22 ottobre 2020

AIUTI ALLE FAMIGLIE E IMPRESE. PUBBLICATI I BANDI PER AGEVOLAZIONI TARI

Messi a disposizione dal bilancio comunale circa 200mila euro

Proseguono gli interventi economici dell’amministrazione comunale di Magione per supportare famiglie e imprese in questo difficile momento a causa dell’emergenza sanitaria da Covid-19. 
Pubblicati sul sito del Comune i bandi per agevolazione per il pagamento della tassa sui rifiuti (Tari) anno 2020 rivolto ad utenze domestiche e non domestiche con risorse messe a disposizione dal bilancio comunale di 50mila euro per le utenze domestiche e di 150mila per le non domestiche.

Per le utenze domestiche è prevista la possibilità di esenzione per le unità immobiliari adibite a civile abitazione e limitatamente ai locali direttamente abitati, come da residenza anagrafica, occupati da nuclei familiari con indicatore Isee fino a € 5.500,00. Riduzione del 50%, per le unità immobiliari adibite a civile abitazione e limitatamente ai locali direttamente abitati, come da residenza anagrafica, occupati da nuclei familiari con indicatore Isee da € 5.501,00 a € 10.000,00. Riduzione del 30%, per le unità immobiliari adibite a civile abitazione e limitatamente ai locali direttamente abitati, come da residenza anagrafica, occupati da nuclei familiari con indicatore Isee da € 10.001,00 a € 15.000,00.

È prevista invece una riduzione del 25%, per le utenze non domestiche
nell’ambito della propria attività e limitatamente ai locali direttamente ad essa adibiti.
L’agevolazione verrà riconosciuta in favore dei titolari di utenze non domestiche la cui attività è stata sospesa per effetto dei provvedimenti del Governo e/o della Regione Umbria nel periodo di emergenza epidemiologica da Covid-19.

Gli stanziamenti messi a disposizione dal bilancio comunale per la Tari, si aggiungono a quelli già finanziati per il trasporto scolastico e il sostegno al pagamento dell’affitto per le microimprese, per un totale di 300mila euro.
“Stiamo operando attivamente – commenta Massimo Lagetti, vicesindaco con delega al bilancio – per supportare i nostri concittadini e le nostre imprese in un momento di grande difficoltà. Cosa non semplice per il prorogarsi dell’emergenza e per il conseguente aumento di crisi economica che ne consegue. Il nostro territorio ha saputo rispondere in maniera efficiente, grazie alla forte collaborazione anche con le associazioni del territorio, in primis Misericordia e Caritas, al primo lockdown. Cercheremo, allo stesso modo, di affrontare questa seconda fase ma dobbiamo essere coscienti che è fondamentale la collaborazione di tutti”.
Ai bandi comunali si aggiungono quelli dell’Unione dei Comuni del Trasimeno. Sono aperti quelli a sostegno della natalità e alla partecipazione ad attività sportive e culturali per i giovani del Trasimeno” (Fondo nazionale politiche giovanili anno 2019).

mercoledì 21 ottobre 2020

CHIUSI AL PUBBLICO GLI UFFICI COMUNALI PER UN CONTAGIO RILEVATO TRA I DIPENDENTI

Chiusi al pubblico gli uffici comunali di Magione a seguito della positività al Covid19 riscontrata in un dipendente.

Nelle due sedi municipali di piazza Giovanni da Pian di Carpine 16 e via Dante Alighieri 2 le attività procederanno come di consuetudine pur restando chiuse al pubblico da oggi fino a sabato 24 ottobre compreso

I colleghi entrati in contatto con la persona contagiata sono già stati posti in isolamento precauzionale.

Ad esclusione degli atti urgenti di stato civile e polizia mortuaria, i documenti e le istanze da inviare al Comune potranno essere trasmesse alla Pec comune.magione@postacert.umbria.it valida come protocollo. Sono in funzione sia le email che i numeri di telefono degli uffici.

È stata predisposta la sanificazione straordinaria dei locali delle sedi comunali.

martedì 20 ottobre 2020

SAN SAVINO, PRESTO I LAVORI PER ELIMINARE IL VECCHIO SERBATOIO IDRICO INTERNO ALLA TORRE

Torre_San_Savino
Si aprono così nuove prospettive di fruizione e valorizzazione.


Approvato il progetto definitivo per la sistemazione del vecchio acquedotto di San Savino, Magione, collocato all’interno della storica torre triangolare risalente al XII secolo e, attualmente, suddivisa in tre livelli. Tra il secondo e il terzo livello si trova il serbatoio che funzionava da raccolta dell’acqua non più utilizzato, da qui la decisione di eliminarlo.
La cisterna, oltre a non essere più funzionale per l’erogazione di acqua potabile, costituiva un elemento avulso dalla storia del pregevole reperto storico che identifica il piccolo borgo lacustre per la sua particolarità costruttiva.
I lavori, per un importo complessivo di circa 50mila euro, riguardano la totale demolizione della cisterna-serbatoio non più in uso e dei tre solai in acciaio e tavelloni che ne sostengono la struttura, che saranno accompagnati da interventi di consolidamento strutturale delle pareti murarie dove saranno realizzate, perimetralmente, tre cerchiature interne metalliche a livello dei solai originari. In questo modo si recupera integralmente il volume interno della torre triangolare, garantendone la piena percezione verticale eliminando quelle superfici totalmente avulse dall’impianto architettonico originario e che allo stato attuale ne compromettono inevitabilmente la visibilità.


cisterna acqua
Si tratta di un intervento importante e a lungo atteso – spiega Vanni Ruggeri, assessore all’urbanistica del Comune di Magione –, inserito all’interno della programmazione annuale della società di gestione Umbra Acque S.p.a., e che giunge al termine di un complesso iter autorizzativo in quanto afferente a un bene storico-architettonico in contesto urbanisticamente e paesaggisticamente vincolato.  
Grazie ad esso si restituisce la torre di San Savino alla propria purezza architettonica originaria, liberandola da un’opera funzionale al vecchio acquedotto pubblico (inaugurato nel 1954) che ne alterava in maniera significativa la leggibilità di piani e altimetrie interne”.
“Un progetto – aggiunge - che si inserisce nel quadro più ampio della valorizzazione della torre di San Savino quale attrattore storico-culturale di rilevanza non solo locale (peraltro già bene bandiera nell’elenco dei siti culturali beneficiari dell’Art Bonus comunale), inserito all’interno di specifici itinerari e percorsi di fruizione turistica, in sinergia con la vicina Oasi naturalistica La valle, ma soprattutto capace di catalizzare progettualità di più vasta portata in grado di immaginarne nuove modalità di fruizione e di visita”.

ANNULLATA LA MANIFESTAZIONE OLIVAGANDO A MAGIONE

Olivagando 2020
Assessore Silvia_Burzigotti
Rimangono aperti il concorso La dolce goccia riservato ai produttori di olio e il concorso fotografico Le dolci colline


In ottemperanza alle disposizioni del nuovo decreto ministeriale per il contenimento della diffusione del Covid19, l’amministrazione comunale di Magione ha previsto l’annullamento della manifestazione Olivagando che doveva tenersi domenica 25 ottobre. Rimangono comunque aperti il concorso La dolce goccia riservato ai produttori di olio e il concorso fotografico Le dolci colline
“Il Comune era pronto a ripartire, con voglia ed entusiasmo – spiega Silvia Burzigotti, assessore alle attività produttive del Comune –. Con il senso di responsabilità dovuto in questo particolare momento avevamo adottato una formula ridotta che potesse garantire la promozione dei produttori olivicoli del nostro territorio sui quali, come su tante altre attività economiche, sta ricadendo pesantemente la grave crisi economica conseguente a questa emergenza sanitaria. Ogni proposta era pensata in modo tale da garantire al massimo tutte le norme di sicurezza, ma il peggiorare della situazione con casi di infezioni da Covid19 anche nel nostro comune in continuo aumento ci avevano già messo in preallarme e si stava valutando l’opportunità, o meno, di cancellare alcune iniziative in programma”.

“L’ultimo decreto ministeriale – prosegue – ci ha tolto ogni dubbio, Olivagando non si può fare sotto qualunque forma ricadendo nelle manifestazioni vietate. Le indicazioni ci obbligano a fermarci: la salute e la sicurezza di volontari, collaboratori e cittadini viene prima di tutto.Nonostante questa scelta sia fatta in conseguenza di disposizioni pienamente condivise, il dispiacere non è certo minore. Non solo perché ancora una volta ci viene a mancare l’occasione per vivere un minimo di socialità ma, soprattutto, perché quel settore economico rappresentato dai produttori di olio vede cancellata una, seppur piccola, occasione di promozione. Nell’augurarci che questi sacrifici portino in breve a risultati positivi, ricordo che tutti i frantoi sono aperti per la vendita dell’olio che quest’anno è di ottima qualità. Ai cittadini l’invito a rispettare le regole perché è l’unico modo per riuscire a fare di tutto questo periodo solo un brutto ricordo.
Il mio più sentito ringraziamento va a tutti coloro che ancora una volta hanno creduto in un progetto costantemente in crescita ed hanno sostenuto un tradizionale appuntamento storico ormai parte della vita dell’intera comunità magionese”.

LA SOMS DI MAGIONE RICORDA CON UNA TARGA ALLA MEMORIA DUE SUOI EX-PRESIDENTI

Consegna targa Irma Cesarini
Deliberati dal consiglio direttivo i riconoscimenti a Olivo Cesarini e Gianfranco Brozzi

In occasione dell’assemblea ordinaria dei soci della Società operaia di mutuo soccorso (Soms) di Magione, sono stati deliberati dal consiglio direttivo due riconoscimenti come “soci onorari alla memoria” agli ex presidenti Olivo Cesarini e Gianfranco Brozzi.
Per l’attività e l’impegno profuso nei confronti della Società operaia e della collettività di Magione è stato deciso di consegnare tale benemerenza alle due personalità che, dal secondo dopoguerra fino ai primi anni Duemila, maggiormente hanno contribuito con la loro opera alla rinascita e alla crescita della Soms.
Olivo Cesarini è stato protagonista del riacquisto dell’edificio sociale dopo l’acquisizione forzata da parte dello Stato avvenuta durante il ventennio fascista. Ha ricoperto la carica di Presidente per i periodi 1965-66, 1968-69, 1971-73 e 1977-78.

Consegna targa Roberto e Catia Brozzi
Gianfranco Brozzi
è stato invece presidente dal 1973-75, 1981-85, 1988-90 e 2005-09 e protagonista in occasione della festa per il centenario del sodalizio nel 1988 con la presenza di Luciano Lama già segretario generale della Cgil. In tempi più recenti è stato fra i maggiori promotori della ristrutturazione del palazzo in cui oggi trovano sede diverse associazioni locali.
Un atto dovuto – spiega il presidente Soms Alessandro Annetti – per due ex presidenti che ho avuto il piacere di conoscere e l’onore di commemorare. Due figure molto conosciute e molto diverse fra loro, ma accomunate dalla stessa lungimiranza e dalla volontà di impegnarsi non solo nel nostro sodalizio ma anche in molte associazioni magionesi. In questo di periodo di difficoltà diffusa dovuta alla pandemia, è proprio l’associazionismo una delle parti più deboli. È necessario ripartire dalla nostra storia ricordando chi in tempi probabilmente anche più difficili dei nostri ha saputo uscire dalle difficoltà, ripartire e rinnovarsi”.
Le benemerenze sono state consegnate dal presidente Soms Alessandro Annetti e dal vice-presidente Eric Orsini, alla presenza del sindaco Giacomo Chiodini, dell’assessore alla cultura Vanni Ruggeri e del consiglio direttivo della Soms. Le targhe alla memoria sono state ritirate per Olivo Cesarini dalla moglie Irma e per Gianfranco Brozzi dai due figli Roberto e Catia.