giovedì 9 aprile 2020

RIFIUTI ABBANDONATI. POLIZIA LOCALE SCOPRE IL COLPEVOLE

Montagne di indumenti abbandonati. La Polizia locale individua il colpevole
La merce proveniente da un’attività di commercio

Montagne di indumenti vari abbandonati in un’area boschiva del comune di Magione. La Polizia locale di Magione individua il responsabile per il quale scatta la denuncia all’autorità giudiziaria.
Grazie alla segnalazione di un cittadino gli agenti della Polizia locale sono riusciti ad individuare due discariche abusive in un’area boschiva in località Sole Pineta di Magione.


Il grande quantitativo di materiale abbandonato all’interno di grossi sacchi di plastica e cartoni era costituito da indumenti vari: abiti, costumi, biancheria intima, e circa 2000 stampelle. Materiale che ha fatto supporre essere proveniente da un’attività privata. Tra la merce abbandonata gli agenti hanno ritrovato anche una serie di documenti che il proprietario aveva tentato di distruggere strappandoli in pezzi piccolissimi. Una precauzione che si è scontrata con la grande professionalità degli agenti che attraverso alcuni elementi sono riusciti a risalire al responsabile dell’abbandono. Un uomo residente nel comune di Magione che non sapendo come smaltire il grande quantitativo di merce derivante dalla sua attività commerciale come ambulante ha optato per l’abbandono in mezzo al bosco.

L’uomo aveva già lasciato ingenti quantità di indumenti nelle vicinanze dei cassonetti per la raccolta di abiti e vestiti per poi portare i rimanenti in due diversi punti del bosco.
Il commerciante è stato denunciato all’autorità giudiziaria e potrà evitare il procedimento penale provvedendo alla rimozione del materiale abbandonato e pagando una multa di 6mila e 500 euro.
“La nostra polizia locale – è il commento dell’amministrazione comunale – mostra ancora una volta la sua grande professionalità per la quale tutti la ringraziamo. Anche se gravata da tanti impegni in conseguenza dell’epidemia da coronavirus, che li vede tutto il giorno impegnata nel controllo del territorio comunale, non vengono meno a tutte le altre incombenze della loro professione”.


mercoledì 8 aprile 2020

PREMIO VITTORIA AGANOOR POMPILJ


“Il conforto” tema della XXII edizione del Premio letterario Vittoria Aganoor Pompilj
Pubblicato il bando del concorso riservato a componimenti in forma di lettera e a pubblicazioni di carteggi e corrispondenze

Pubblicato il bando della XXII edizione del Premio nazionale Vittoria Aganoor Pompilj riservato a pubblicazioni di carteggi e corrispondenze e a componimenti in forma di lettera organizzato dal Comune di Magione. La cerimonia di premiazione si terrà a Monte del lago, Magione, domenica 6 settembre nell’ambito del Festival delle corrispondenze.

La prima sezione del premio è riservata alle case editrici che possono partecipare con pubblicazioni di carteggi e/o corrispondenze epistolari di figure rappresentative, in ambito culturale, della società italiana. I carteggi e/o gli epistolari devono essere trascritti e curati seguendo rigorosi criteri filologici dichiarati dal curatore. Le opere devono essere state stampate nei tre anni precedenti la data di pubblicazione del bando (2018-2020).

La seconda sezione, la cui partecipazione è libera e gratuita, è riservata a componimenti in forma di lettera su tema scelto annualmente dal comitato organizzatore. Tema della XXII edizione è “il conforto” ispirato alla frase: “Le tue parole mi giunsero come carezze…” tratta dal volume Vittoria Aganoor, Lettere d’amicizia a Marina Sprea Baroni Semitecolo (1881-1909), a cura di Ornella Pittarello.
“Questa edizione del premio – affermano gli organizzatori – giunge in un momento molto particolare della nostra nazione. Non possiamo ignorarlo e sicuramente inciderà in maniera profonda sia su questa edizione del premio sia su quello che sarà il suo futuro. La scelta del tema è stata precedente alla situazione che ci ha visto modificare profondamente il nostro stile di vita in conseguenza dell’epidemia da coronavirus ma crediamo che possa essere l’occasione per molti di raccontare ciò in cui hanno trovato conforto in questi lunghi giorni in casa”.
Commento dell’assessore alla cultura del Comune di Magione, Vanni Ruggeri 
“La scrittura epistolare come balsamo dell’anima – è il commento dell’assessore alla cultura del Comune di Magione, Vanni Ruggeri –, il potere delle lettere di donarci una vita più grande, nello spazio, ma soprattutto nel tempo, la fiducia intrinseca nel tramite silenzioso della parola scritta, pensata, cercata “per” l’altro: il premio letterario Vittoria Aganoor Pompilj rinnova ogni anno l’arte perduta di scrivere lettere, non mancando di confrontarsi col presente, ma anzi fornendone sempre stimolo e “pretesto” di pacata riflessione. La sua vitalità si conferma costantemente per la crescente attenzione da parte del mondo dell’editoria, del pubblico di lettori e scrittori, accademici e ricercatori: una storia lunga oltre un ventennio che traguarda quest’anno anche un importante passaggio di consegne all’interno delle rispettive giurie e non può che ben augurare al successo di un format che, insieme all’omonimo Festival, ha fatto di Monte del Lago il “paese delle corrispondenze”.
Questa edizione del premio ha visto anche il rinnovo delle giurie. Per la prima sezione il ruolo di presidente è stato assunto da Adriana Chemello dell’Università di Padova. La seconda sezione dal giornalista Mino Lorusso con l’ingresso di figure legate, a diverso titolo, al mondo dell’editoria: scrittori, editor, editori, librai.

Monte_del_lago
Il bando è consultabile sui siti: www.festivaldellecorrispondenze.itwww.comunemagione.itwww.magionemusei.it
Tutti gli aggiornamenti sul premio possono essere seguiti sulla pagina facebook: Premio Vittoria Aganoor

LE GIURIE
Prima sezione - Maurizio Tarantino (presidente onorario) direttore Biblioteca Classense e MAR di Ravenna; Adriana Chemello (presidente), Università di Padova; Isabella Nardi, Università di Perugia; Mario Squadroni, Università di Perugia; Massimiliano Tortora, Università di Torino; Fabrizio Scrivano, Università di Perugia.

Seconda sezione - Vittoria Bartolucci (presidente onorario) poetessa; Mino Lorusso (presidente) giornalista; Fabio Versiglioni, presidente Associazione Editori Umbri; Giovanni Dozzini, scrittore; Costanza Lindi e Elena Zuccaccia, Studio editoriale Settepiani; Maria Grazia Virgilio e Monica Fanicchi, libreria Libri Parlanti.

STORIA DEL PREMIO
Il Premio Vittoria Aganoor Pompilj, istituito dal Comune di Magione nel 1998, rende omaggio alla poetessa veneta Vittoria Aganoor, trasferitasi in Umbria dopo il matrimonio, avvenuto nel 1901, con il deputato perugino GuIdo Pompilj. Il premio prende spunto dal grande patrimonio di lettere scritte dalla poetessa c che intratteneva fitte corrispondenza con familiari, amici e personaggi eminenti del mondo culturale del tempo. Unico premio in Italia dedicato esclusivamente a corrispondenze, carteggi ed epistole il premio nasce con la volontà di recuperare e salvare un tipo di scrittura che, con gli attuali strumenti di comunicazione, rischia di scomparire; dall’altra, di valorizzare il lavoro fatto da studiosi che si occupano di carteggi ed epistolari, strumenti fondamentali per la ricostruzione e la conoscenza di avvenimenti storici ed artistici raccontati, quasi sempre, da chi li ha direttamente vissuti.

La cerimonia si tiene, annualmente, nel piccolo borgo di Monte del Lago costruito su un promontorio affacciato sul lago Trasimeno che conserva la villa Aganoor in cui abitarono i coniugi Pompilj, villa Schnabl, la chiesa di Sant’Andrea, con pregevoli affreschi e resti delle antiche mura.


Vittoria_Aganoor_Pompilj
I PERSONAGGI
Vittoria Aganoor - nasce a Padova il 26 maggio 1855, discendente da un antica e nobile famiglia di origine armena. Nel 1900 pubblica la sua prima raccolta di poesie “Leggenda Eterna” che verrà definito da Benedetto Croce il più bel canzoniere d’amore scritto da una donna. Il 28 novembre 1901 sposa a Napoli il deputato perugino Guido Pompilj e si trasferisce in Umbria. In breve tempo entra a far parte di istituzioni pubbliche, di educazione scolastica, ma, soprattutto, prosegue quella fitta corrispondenza con alcuni dei più importanti intellettuali del suo tempo che ci permettono oggi di conoscere ed approfondire quel periodo storico.
Gli impegni in società, legati alla sua vita perugina, sono intervallati da lunghi periodi nella villa di proprietà del marito a Monte del Lago. Nel 1908 pubblica “Nuove Liriche” dedicata all’amato marito dove sono raccolte le poesie dedicate al Trasimeno.
La poesia di Vittoria Aganoor (1855 – 1910) trovò nel piccolo borgo di Monte del Lago il luogo ideale per la sua ispirazione poetica. Suo marito fece costruire anche un giardino pensile con uno splendido albero di magnolia, ancora esistente, proprio per permettere alla sua amata consorte di poter scrivere indisturbata.
Nel 1910, fra il 7 e l’8 maggio, dopo breve ma gravissima malattia, Vittoria Aganoor muore in una clinica privata di Roma e, poche ore più tardi, in una stanza attigua della stessa clinica l’innamoratissimo marito si suicida con un colpo di rivoltella.

Guido_Pompilj
Guido Pompilj - La persona del deputato Guido Pompilj (che fu deputato del primo Collegio di Perugia, sottosegretario di Stato al Ministero delle Finanze, al Ministero degli Affari esteri e per due volte eletto plenipotenziario all’Aja per il Congresso della Pace, nel 1899 e nel 1907) rimane legata al salvataggio del lago Trasimeno dal progetto di prosciugamento attraverso il Consorzio di Bonifica del Trasimeno nato nel 1875. Non solo con la costruzione dell’emissario di San Savino riuscì a controllare il livello delle acque del Trasimeno ma “si preoccupò di commissionare la produzione di una sorta di iconografia del Trasimeno, non limitandosi quindi nella salvaguardia fisica del lago, ma aggiungendo a questa una serie di fotografie che ne avrebbero veicolato l’immagine affidata ad esposizioni e cartoline postali agendo sull’immaginario collettivo dell’epoca e producendo le premesse per quel sentimento turistico che sarebbe poi divenuto la base per lo sviluppo economico di questo settore nell’area lacustre”. Per far ciò si affidò, senza badare a spese, alla più nota famiglia di fotografi fiorentini, i fratelli Alinari. Sconvolto per la tragica scomparsa della moglie si uccise poche ore dopo il suo decesso.

BANDO PREMIO




martedì 7 aprile 2020

A MAGIONE AUMENTANO I GUARITI E CALANO I POSITIVI

Ufficio:servizi_sociali_magione_al_lavoro
Aumentano i guariti e calano i positivi. Anche Magione ha invertito il trend
Da domani i "buoni spesa". Saranno utilizzabili da quasi 200 famiglie in difficoltà

Aumentano i guariti e calano i positivi. Anche Magione ha invertito il trend. Tre clinicamente guariti in più e tre contagiati in meno nel giro di 24 ore. Il quadro di Magione è quindi il seguente: 13 positivi di cui quattro ricoverati in ospedale in condizioni stabili o in miglioramento e 9 isolati nella propria abitazione, 19 in isolamento e sotto osservazione; 78 isolamento fiduciario concluso

L’ufficio servizi sociali del Comune di Magione coordinati dall'assessore Eleonora Maghini e dalla responsabile d'area Giuseppina Marcantoni, al lavoro per l’organizzazione della consegna dei buoni spesa che avranno inizio da domani. In poco più di una settimana dal trasferimento dei 96mila euro del Governo quasi 200 le famiglie in difficoltà che potranno usufruirne. Un grazie particolare e a tutto l'ufficio.

Si ricorda di non recarsi in Comune senza prima esser stati contattati telefonicamente per la consegna dei ticket.

domenica 5 aprile 2020

COVID19 - RESOCONTO SINDACO CHIODINI

Volontari_Misericordia
Covid-19 - Il sindaco Giacomo Chiodini fa il punto sulla situazione sanitaria e le iniziative in atto
Distribuzione kit rifiuti per positivi Covid; gestione buoni spesa con modello anticontraffazione; ordine pubblico con riepilogo denunce; numeri del volontariato.

Crescono le iniziative di solidarietà nel comune di Magione per dare sostegno alle persone in difficoltà; relativamente stazionaria la situazione sanitaria che vede 16 persone positive al coronavirus di cui quattro ricoverate in ospedale ma complessivamente in buone condizioni; partita la consegna di kit rifiuti per positivi Covid e da martedì inizia la distribuzione dei buoni spesa realizzati con grafica che non consente la contraffazione. Oltre 500 i controlli effettuati in questa settimana dalla Polizia locale.

SITUAZIONE SANITARIA
A fare il punto sulla situazione sanitaria e sulle iniziative intraprese per affrontare l’emergenza coronavirus a Magione è stato il sindaco Giacomo Chiodini nella consueta diretta domenicale. In merito agli aggiornamenti sull’evoluzione del contagio a livello locale 16 sono le persone risultate positive di cui quattro in ospedale in buone condizioni, 10 in isolamento con ordinanza di quarantena, 2 domiciliate fuori del comune tre clinicamente guarite. Il primo cittadino ha quindi ricordato che in caso di sintomi che possano far pensare di aver contratto il virus ci si deve rivolgere al medico di base che valuterà l’opportunità di fare il tampone.

VOLONTARIATO
Si moltiplicano intanto le iniziative per dare sostegno alle famiglie in difficoltà grazie anche al lavoro del volontariato. Attivato un Fondo sociale di solidarietà a valere sul conto corrente della Misericordia di Magione “che – ha spiegato il sindaco – verrà utilizzato per le criticità più imminenti mentre prosegue il lavoro della Caritas parrocchiale e della Misericordia per la distribuzione di pacchi alimentari”
“La Misericordia di Magione – ha fatto poi sapere Chiodini – anche questa settimana ha proseguito nella consegna alimenti e medicinali, controlli all’ingresso dell’ospedale di Castiglione del lago e della centrale di Pietrafitta, accompagnamento di persone per motivi di salute. 83 i volontari che hanno operato, 119 i turni effettuati”.

BUONI SPESA
Da martedì partirà la consegna dei buoni spesa dal valore di venti euro realizzati con un modello che ne impedisce la contraffazione e che sono stati offerti gratuitamente dall’etichettificio Umbra Label di Magione. Al riguardo Chiodini ha ringraziato l’ufficio servizi sociali e l’assessore Eleonora Maghini per aver seguito tutti gli aspetti della complessa organizzazione del servizio.

KIT RACCOLTA RIFIUTI
Iniziata intanto la distribuzione in tutti i comuni lacustri, da parte di Trasimeno servizi ambientali (Tsa), dei kit per la raccolta rifiuti dei positivi al Covid-19. Questi rifiuti non vanno in trattamento come i rifiuti tradizionali ma vengono conferiti direttamente in discarica per evitare il rischio di una possibile diffusione del virus.

CONTROLLI FORZE DELL'ORDINE
Tanti i controlli delle forze dell’ordine che hanno portato all’arresto, effettuato dai carabinieri di Città della pieve, di tre persone per spaccio di stupefacenti. 500 i controlli della Polizia locale di cui 100 su persone e 400 su pubblici esercizi.

Infine il sindaco ha reso noto che saranno a disposizione delle persone che ne hanno necessità, in particolare a chi usufruirà dei buoni spesa, mascherine in cotone elastico che non possono essere utilizzate in sanità ma possono essere efficaci negli altri casi. Le mascherine di maggior qualità sono state invece donate alle residenza protette del territorio comunale: Casa Serena, I tulipani e Famiglia Nuova, Alba Nuova e Ex-ospedaletto.
“La vita di comunità – ha concluso Giacomo Chiodini – deve essere maggiormente tutelata per la maggior pericolosità per chi vi risiede come come hanno dimostrato anche situazioni verificatesi in altre località”.

LEGA NAVALE TRASIMENO: AIUTI A PROTEZIONE CIVILE E MISERICORDIA

Consegna_materiale
Lega navale Trasimeno: aiuti a Protezione civile e Misericordia
Consegnato materiale sanitario per il nuovo centro Covid-19 di Città di Castello

"L'iniziativa - fa sapere il presidente della sezione Lago Trasimeno della Lega Navale italiana con sede a San Feliciano. Jean Pierre Capolsini - è partita su sollecitazione di un nostro socio infermiere che aveva bisogno di materiale sanitario per il nuovo centro per fronteggiare l'emergenza per l'epidemia da Covid-19 a Città di Castello. Ci siamo subito mobilitati in, collaborazione con la Protezione civile per autorizzazioni e controllo della merce, siamo riusciti a consegnare circa 1000 mascherine più copriscarpe e camici. Un grazie al nostro socio Christian Sorci che ha effettuato la consegna".

I soci dell'associazione nautica hanno poi donato 1000 euro alla Protezione civile e 200 alla Misericordia di Magione.

"Stiamo vivendo un momento difficile - commenta il presidente - dove ognuno può fare una piccola parte per aiutare gli altri. Noi, per quello che ci sarà possibile, ci saremo".




100 DOMANDE PER I BUONI SPESA

Ufficio_servizi_sociali
Oltre 100 le domande per usufruire dei “buoni spesa”
Avviata procedura di verifica delle richieste, grande sforzo della macchina comunale

Oltre 100 le domande di richiesta per usufruire dei “buoni spesa” arrivate al comune di Magione in neanche 24 ore. 96mila euro la dotazione a disposizione dell’amministrazione comunale per affrontare questa prima fase di necessità.

“Stiamo affrontando una vera emergenza” spiega l’assessore alle politiche sociali del Comune, Eleonora Maghini, che sta seguendo dall’inizio i bisogni legate al Covid-19 con l’organizzazione degli uffici preposti per dare supporto alle persone in difficoltà.

“Da una parte – fa sapere – abbiamo l’urgenza di dare sostegno alle famiglie che in questo momento stanno vivendo una situazione drammatica sotto tanti punti di vista: economica, psicologica, sociale. Dall’altra ci muoviamo con una macchina comunale che potremmo definire a “scartamento ridotto” dato che, per decreto ministeriale e per tutela dei dipendenti, parte del personale sta lavorando da casa in smart working. Abbiamo dovuto effettuare la riorganizzazione di tutti gli uffici per cui stiamo operando con tutte le aree stanno lavorando ininterrottamente, ognuna per le sue competenze, con grande impegno e tante difficoltà e continueranno a farlo. 
Avviato il controllo delle autodichiarazioni pervenuteci da martedì inizierà la consegna dei ticket presso l’ufficio servizi sociali. Impossibile in questo momento pretendere le dichiarazioni Isee per usufruire di questi aiuti per cui veramente ci appelliamo al senso di responsabilità di tutti i cittadini e che prevalga il senso civico. Comunque l’Ufficio servizi sociali effettuerà in futuro controlli rigidi sulle dichiarazioni e chi vorrà fare il furbo non solo dovrà restituire le somme che gli sono state versate ma verrà denunciato all’Autorità giudiziaria. Ricordo che la misura è orientata a dare prima assistenza a persone e famiglie in condizioni di assoluto disagio”.

“Fondamentale è stato il lavoro congiunto con tutti i sindaci del Trasimeno – aggiunge l’assessore – che ha permesso in breve tempo di far partire tutta l’organizzazione. Un ruolo importante lo stanno svolgendo anche le associazioni di volontariato come la Misericordia e la Caritas parrocchiale locali che stanno garantendo la distribuzione di alimenti e medicinali. Con la loro collaborazione è partita una raccolta fondi per la quale si chiede, a chi ne ha la possibilità, di partecipare. L'Amministrazione comunale utilizzerà queste risorse dove ce ne sarà più bisogno con trasparenza, rendiconto finale, e tempestività”.

Si ricorda che i buoni sono destinati esclusivamente all'acquisto di generi alimentari e beni di prima necessità. Sono diretti ai nuclei familiari più in difficoltà (non sufficientemente o non ancora coperti da altri sostegni pubblici), che le domande vanno inoltrate via email come illustrato nel link in evidenza all'interno del sito istituzionale del Comune di Magione. Solo in via eccezionale – per ragioni straordinarie – potranno essere consegnate agli uffici comunali.

CIRCOLO DIDATTICO MAGIONE-LA DIDATTICA A DISTANZA

Francesca_Volpi
Didattica a distanza per i più piccoli: qualche difficoltà ma nessuno rimarrà indietro
La dirigente scolastica Francesca Volpi del Circolo didattico di Magione rassicura le famiglie che vedono stravolto il normale ordine scolastico

 “Le famiglie devono stare tranquille. Anche se in questo periodo avremo dei rallentamenti e difficoltà, alla ripresa normale della didattica, quando che sia, recupereremo. Nessuno rimarrà indietro”. È la rassicurazione che la nuova dirigente scolastica del Circolo didattico di Magione, Francesca Volpi, fa a tutte le famiglie che, in questa situazione di emergenza, vedono stravolto il normale studio quotidiano.

“Stiamo lavorando a ritmo serrato – fa sapere – per impostare questa nuova modalità di didattica. Questo Circolo, in cui ho scelto volontariamente di venire per la fama positiva, si distingue per l’alta attenzione posta, nella didattica, alle difficoltà d’apprendimento, alle modalità espressive come dimostrano gli ottimi laboratori di musica e creativi, e per la grande attenzione ai percorsi individuali affinché nessuno resti indietro. Finalità che sono state, negli anni, meglio perseguite anche grazie alla grande diffusione del tempo pieno che permette ritmi di apprendimento distesi, e del tempo prolungato. Una modalità di lavoro che condivido pienamente, ma certo meno legata alle tecnologie che in questa fase ci penalizza un po’”.


“La prima difficoltà – spiega – è l’età con cui noi dobbiamo rapportarci. Nessuna didattica a distanza può sostituire, se non in minima parte, il lavoro fatto quotidianamente in classe, soprattutto quando parliamo di scuola dell'Infanzia e di scuola Primaria, dove la presenza fisica dell'insegnante ha un'enorme importanza. A questa dobbiamo aggiungere la complessità nel riuscire a raggiungere tutti gli studenti tramite internet. 
Ci muoviamo in un contesto sociale, peraltro non diverso da molti altri, estremamente vario, dove, quindi, i diversi contesti e le diverse problematiche delle famiglie ci suggeriscono di muoverci con estrema cautela. Questo richiede un grande impegno per sopperire a queste difficoltà in modo da garantire a tutti di poter seguire le lezioni a distanza. In questo devo ringraziare sia gli insegnanti, che stanno impegnandosi anche per imparare "i nuovi approcci tecnologici", ma anche la segreteria che sta facendo veramente un grande lavoro per riuscire a raggiungere tutti. 
E un ringraziamento va ai tantissimi genitori (in primis i rappresentanti di sezione e di classe) che stanno contribuendo a "fare da ponte" con le famiglie più in difficoltà. Non opereremo a due velocità, manterremo anche in questa fase d’emergenza il principio che caratterizza il nostro Circolo: l’attenzione a tutti”.


“Intanto
– prosegue – al corpo docente che ho trovato generalmente altamente competente e con un forte spirito collaborativo, ho chiesto di non dare tanti compiti, ma piccoli imput anche utilizzando brevi video o messaggi audio per far sentire ai bambini la propria presenza. Stiamo anche attivando la piattaforma G Suite for education di Google che consentirà di svolgere le riunioni, di poter finalmente riprogrammare insieme e, perché no, di sperimentare anche incontri con gli alunni”. 
“Ma la cosa che ritengo più importante è che i genitori capiscano – aggiunge – che siamo al loro fianco, che lavoreremo con loro affinché i loro figli non si sentano abbandonati. Mi sento anche di dare qualche consiglio: se un giorno manca il collegamento perché le linee sono sovraccariche, se un giorno un bambino non se la sente, per qualsiasi motivo, di "lavorare", non succede niente. Avremo tempo quando, e speriamo presto, torneremo in classe, per riannodare tutti i fili”.