venerdì 19 giugno 2020

PREMIO ASOC “A SCUOLA DI OPEN COESIONE” DELLA REGIONE UMBRIA ALL’ITE DI MAGIONE

Classe IIIA (foto real. prima dell'emergenza)
Premio ASOC “A scuola di open coesione” della Regione Umbria all’ITE di Magione

Il riconoscimento è stato assegnato alla ricerca della classe III E sulla dispersione idrica della rete acquedottistica umbra.

Creare cittadini in grado di conoscere valutare e comunicare dati e informazioni sulle politiche pubbliche individuando i soggetti interessati, tracciando i finanziamenti europei e nazionali, determinandone i risultati, sono alcuni degli scopi dei percorsi didattici promossi con il progetto Scuola di OpenCoesione (ASOC) che ha visto premiata dalla Regione umbria la III E della sezione Turismo dell’Ite di Magione per la ricerca delle “perdite occulte della rete idrica e distrettualizzazione della rete acquedottistica dei sub ambiti 1 e 2 della provincia di Perugia" di cui ha ricostruito la storia amministrativa.
Il progetto, avviato a novembre in classe è poi proseguito online e prorogato al 10 giugno a causa dell’emergenza coronavirus .
“La classe ha svolto il lavoro in quattro fasi – spiega la docente Natalian Melcarne referente per il progetto -. Nella prima fase è stato creato un logo, ripartiti i compiti, creati gli account su Twitter, Facebook e Instagram per comunicare le attività e pianificato la ricerca sul monitoraggio civico relativo al finanziamento del Fondo di Sviluppo di Coesione sulla "Ricerca delle perdite occulte della rete idrica e distrettualizzazione della rete acquedottistica dei sub ambiti 1 e 2 della provincia di Perugia" ricostruendone la storia amministrativa. Sono quindi stati individuati gli enti coinvolti, i soggetti da intervistare, il format dell'elaborato creativo finale”.
“Nella seconda fase – prosegue – sono stati analizzati i dati raccolti sui siti istituzionali: Istat , opencoesione.gov.it, giornali, interventi di Umbra Acque Spa. Dati elaborati con delle infografiche. I report dovevano essere oggetto di una tavola rotonda, cancellata a causa dellìemergenza sanitaria, dove era prevista la partecipazione dii rappresentanti istituzionali tra cui il sindaco di Magione Giacomo Chiodini, il Gianluca Carini, presidente di Umbra Acque Spa; Bruno Brunone del Dipartimento ambientale delle acque dell'Università di Perugia e la rappresentante supporter Cristina Rosetti del Movimento di difesa del Cittadino di Perugia. Il lavoro è comunque proseguito con una video conferenza a cui ha partecipato l’ingegnere

Durante la didattica a distanza si è continuato con una video intervista all’ingegnere Andrea Vitali di Umbra Acque. Intervista che è stata oggetto del report di monitoraggio civico pubblicato su monithon.it , al quale si è aggiunto un video Tg a distanza. Nella quarta fase attraverso il digital storytelling, è stata raccontata la storia progetto inserito sul blog www.ascuoladiopencoesione.it”.

“Il progetto – conclude - ha permesso ai nostri studenti di sviluppare competenze digitali, statistiche e di educazione civica, aiutandoli a conoscere e comunicare, con l’ausilio di tecniche giornalistiche, come le politiche pubbliche, e in particolare le politiche di coesione, intervengono nei luoghi dove vivono con una ricaduta sulla didattica curriculare in quanto la stessa è stata integrata di nuovi contenuti e proposta in forma laboratoriale”.
“Complimenti all'Istituto tecnico economico per il riconoscimento ottenuto dai ragazzi – commenta il sindaco Giacomo Chiodini – A tutti loro e ai docenti il ringraziamento per l’impegno su temi di interesse pubblico che consentono la creazione di cittadini informati e consapevoli. L’augurio, vista la mancata tavola rotonda che avrebbe consentito di poter approfondire la discussione in merito, è ora quello di poter ritornare, con il prossimo anno scolastico, alla didattica in classe”.

mercoledì 17 giugno 2020

BILANCIO CONSUNTIVO MAGIONE 2019: CONTI IN ORDINE E FINANZE SANE

Vice_sindaco_Massimo_Lagetti
Bilancio consuntivo Magione 2019: conti in ordine 
e finanze sane 

Lagetti: “Elementi di forza con cui affronteremo le difficoltà che questo difficile 2020 inevitabilmente porterà”

Approvato dal consiglio comunale di Magione il bilancio consuntivo 2019. Tutti gli indicatori economici segnalano conti in ordine e finanze sane. 

“Il bilancio consuntivo 2019 – commenta il vicesindaco con delega al bilancio Massimo Lagetti è il risultato di un importante lavoro di collaborazione tra i diversi uffici, in primis l’ufficio ragioneria e bilancio diretto dalla dottoressa Patrizia del Giacco, che ha permesso di poter chiudere il consuntivo con una serie di elementi che mettono in evidenza la buona gestione di questa amministrazione. Un riconoscimento al lavoro svolto da tutti ricordando che il nostro comune continua ad avere un numero di dipendenti molto contenuto, 63 su 14900 abitanti, tra i più bassi a livello regionale in rapporto alla popolazione residente”.
“Tra gli elementi da evidenziare – spiega – il non aver attivato, per effettuare pagamenti, anticipazioni di tesoreria che avrebbero inevitabilmente comportato interessi con relativi costi aggiuntivi. Siamo, caso raro in Italia, riusciti a liquidare i nostri fornitori nel rispetto delle scadenze. Senza rinunciare agli investimenti abbiamo ridotto l'indebitamento da mutui di circa 4 milioni di euro in cinque anni e mantenuto una sostanziale invarianza fiscale con un aumento delle esenzioni Irpef a partire dal 2020”.

“Credo che un aspetto particolarmente importante – prosegue – riguardi i servizi scolastici. In particolare mi riferisco all’essere riusciti, in un momento così difficile per i bilanci comunali, a mantenere il modello di tempo pieno in tutti i plessi scolastici. Si tratta di un costo significativo per la nostra amministrazione ma riteniamo questo un servizio irrinunciabile a favore delle famiglie”.

 “La solidità di questo consuntivo, con conti in ordine e finanze sane – conclude Lagetti – è un importante elemento di forza con cui affronteremo le difficoltà che questo complesso 2020 inevitabilmente porterà”.con cui affronteremo le difficoltà che questo complesso 2020 inevitabilmente porterà”.

lunedì 15 giugno 2020

CENTRI ESTIVI, A MAGIONE SI PARTE TRA I PRIMI CON TANTE ATTIVITÀ

Asilo_nido_Paperino
Centri estivi, a Magione si parte tra i primi con tante attività

Maghini: “Un obiettivo difficile ma realizzato grazie alla collaborazione di tutta l’area socio educativa comunale”

“Un risultato che non pensavamo possibile, vista la sfida davvero complicata per tempistiche e risorse disponibili” afferma l’assessore ai servizi sociali del comune di Magione, Eleonora Maghini che, grazie anche alla collaborazione di tutta l’area socio educativa comunale, è riuscita ad organizzare sin da oggi, prima data utile per la ripartenza, un’ampia offerta di centri estivi a cui se ne aggiungeranno altri nelle prossime settimane. Una ripartenza che consentirà di restituire una dimensione sociale e ludica ai bambini del territorio.

Per tutti i più piccoli, età da zero a tre anni, quindi anche per coloro che non sono iscritti all’asilo nido comunale, sono previste attività socializzanti come letture nel parco, burattini, etc… negli spazi del nido comunale Paperino, il mercoledì alle 17 e il sabato alle 10.30, con accompagnatore.

Per i bambini e bambine di età tra i 3 e i 5 anni è organizzato un centro estivo cofinanziato direttamente dall’amministrazione con educatrici professionali della coop Polis sempre nella stessa struttura.

Dai 6 anni in su i centri estivi, patrocinati dal Comune, sono organizzati da attività private come quelle proposte da: Oasi naturalistica la valle a San Savino; scuola dell’infanzia Giuseppe Danzetta, palestra Flex al camping village di Sant’Arcangelo; l’asd Virtus Magione al Laguna Park; piscina Autodromo di Magione; Holos club a Zocco Beach; circolo ippico Valvasone; Helen Doron engish presso La casa di campagna. A questi se ne aggiungeranno altri nel corso dell’estate.
“Un grande lavoro di squadra – commenta l’assessore – che ha visto un grande impegno anche da parte delle strutture private per riuscire a costruire insieme un programma ricco di iniziative che vanno dallo sport alla natura, dall’inglese all’equitazione. La nostra maggiore preoccupazione era, ovviamente, quello di far tornare i bambini a giocare insieme in massima sicurezza. Cambiano quindi le regole sul numero di educatori per ogni gruppo di frequentanti. Abbiamo un rapporto bambini/educatore di 1 a 5 per i minori di sei anni; di 1 a 7 dai sei anni ai dieci anni; di 1 a 10 per i ragazzi più grandi, sanificazione quotidiana e dispositivi personali. L'Amministrazione s'impegna, inoltre, a predisporre con risorse proprie un bando per il contenimento delle rette, inevitabilmente più alte a causa delle misure straordinarie. Ricordo anche la possibilità di usufruire del bonus Inps dedicato a centri estivi e baby sitter”.

COMMEMORATE LE VITTIME DELLA STRAGE NAZISTA DI MONTEBUONO

Cerimonia_commemorazione_2020
Commemorate le vittime della strage nazista di Montebuono
Un anniversario che si celebra ogni anno in nome della pace e della democrazia contro ogni guerra e ogni dittatura

Ricordate con una cerimonia ridotta a causa della pioggia le undici vittime cadute per mano nazista a Montebuono nel giugno del 1944.

Il sindaco Giacomo Chiodini, l’assessore alla cultura Vanni Ruggeri e Mari Franceschini, presidente ANPI provinciale Perugia, hanno deposto una corona di alloro ai piedi del Monumento al Partigiano fatto erigere in località Montebuono, Agello di Magione, luogo in cui avvenne l’eccidio.
“A quasi ottanta anni di distanza – ha affermato il sindaco Giacomo Chiodini - è sempre forte l'emozione nel commemorare questa drammatica insurrezione di contadini partigiani contro i tedeschi occupanti. Un anniversario da celebrare ogni anno in nome della pace e della democrazia contro ogni guerra e ogni dittatura”.
La vicenda è inserita a pieno titolo nella lotta di Resistenza contro le truppe nazi-fasciste tedesche in ritirata, come dimostra la medaglia di bronzo conferita al Comune di Magione dal Presidente della Repubblica il 9 novembre del 2005.

I fatti videro protagonisti Carlo Battigambe, Angelo Belfico, Sestilio Burattini, Alfredo Cipolloni, Angelo Fagioli, Quartilio Fagioli, Renzo Felicioni, Sante Mencaroni, Gaetano Pedetti, Fernando Renaglia, Franco Zeetti, tutti uccisi e Nazareno Dogana, Francesco Fiacca, Carlo Massetti feriti in un agguato dei tedeschi. Sotto il comando del tenente Lanfranco Bonanno, i contadini, esasperati dall’ennesima razzia tedesca, imboccarono la strada che da Mugnano conduce alla gola di Montebuono, dove si trovavano appostati alcuni carri armati tedeschi.

I soldati, dopo un iniziale momento di sbandamento, non tardarono a piegare la resistenza dei contadini, falciati dal fuoco martellante delle mitragliatrici appostate nei boschi circostanti: dieci di loro rimasero sul terreno, tre furono feriti e tra questi due ragazzi non ancora diciottenni e un fanciullo che si trovava in mezzo ai campi di grano. L’undicesima vittima fu il diciannovenne Ferdinando Renaglia di San Savino.

Sul crinale di Montebuono, in corrispondenza dell’incrocio tra la strada che si arrampica in direzione di Agello e la direttrice che prosegue verso Mugnano, un monumento realizzato da Romeo Mancini su committenza dell’amministrazione comunale ricorda gli undici contadini caduti in un conflitto a fuoco contro i soldati tedeschi in ritirata, l’8 giugno 1944.

mercoledì 10 giugno 2020

INCENTIVI PER CHI APRE NEL CENTRO STORICO DI MAGIONE CAPOLUOGO

Incentivi per chi apre nel centro storico di Magione capoluogo
Previsto un contributo economico e l’esenzione dalla Tari per gli anni 2020/2021.

Pubblicato dal comune di Magione per il secondo anno consecutivo, il bando per l’erogazione di incentivi finanziari per l’insediamento di attività economiche nel centro storico del capoluogo.

I benefici prevedono un contributo economico, che verrà corrisposto sulla base delle spese documentate, che non potrà essere comunque superiore a 2mila euro per apertura di nuove attività o per sub ingressi; e di mille euro a favore di attività già esistenti, fuori dal centro storico del capoluogo, che trasferiscano la propria sede nel centro storico. Il contributo è ammissibile anche nel caso di subentro ad attività preesistente. L’esenzione dal tributo dovuto per la tassa rifiuti (TARI) che sarà attribuita a tutti i soggetti che presenteranno domanda valida indipendentemente dalla collocazione in graduatoria e purché in possesso dei requisiti richiesti, per gli anni 2020-2021; ovvero per il periodo che dovesse essere rideterminato entro la scadenza del presente bando, fino ad un massimo di tre anni.

Tra i requisiti richiesti la dichiarazione di impegno a proseguire l’attività nei locali del centro storico almeno per un triennio, pena la restituzione del contributo.


Gli incentivi economici - tutti con relativa documentazione - possono essere richiesti per diverse tipologie di interventi quali: ristrutturazione, utenze, attrezzature, adeguamento degli impianti o canone di locazione.

Tra le attività non ammesse a contributo e cause di esclusione vi sono la vendita di armi, munizioni e materiale esplosivo, inclusi i fuochi d’artificio; la vendita attraverso distribuzione automatica; le attività di scommesse e gioco che comprendono anche parzialmente apparecchi automatici; le attività di “compro oro”, articoli per soli adulti; e quelle rumorose che non rientrino nella fascia dei centri storici del piano di zonizzazione acustica.

L’istruttoria delle domande, la formulazione della graduatoria sarà curata dall’area attività produttive e culturali del Comune.

“Il Comune di Magione – commenta l’assessore alle attività produttive, Silvia Burzigotti – per il secondo anno consecutivo mette a disposizione delle risorse per consentire nuove aperture nel centro storico. Si tratta di una volontà politica che riconosce ai nostri centri grandi opportunità commerciali legate alla presenza di parcheggi che consentono di arrivare con facilità alle attività presenti, alla valorizzazione degli spazi culturali del centro storico: teatro e biblioteca. Ai lavori, che proseguiranno, di miglioramento degli spazi e delle strutture presenti, ricordo, quale esempio, il progetto di risistemazione dell’area ex-Rondini”.

RETTE MENSA, TRASPORTO E ASILO NIDO NEI GIORNI DI MARZO, ESONERATE LA FAMIGLIE DAL PAGAMENTO

Rette mensa, trasporto e asilo nido nei giorni di marzo, esonerate la famiglie dal pagamento
Un’azione per agevolare le famiglie in questo momento di particolare crisi economica

 Esonerate dal pagamento le famiglie che hanno usufruito del servizio di mensa, trasporto scolastico e nido nei primi tre giorni del mese di marzo.
“Considerato che l’emergenza sanitaria determinata dalla diffusione del virus Covid-19 – spiega l’assessore alle politiche sociali, Eleonora Maghini - ha avuto un impatto economico notevole, in modo particolare sulle famiglie con figli in età scolastica, abbiamo ritenuto utile procedere all’esonero totale del pagamento delle rette per i servizi a domanda individuale di mensa scolastica, trasporto scolastico e asilo nido per i primi giorni di marzo. Le difficoltà, purtroppo, non termineranno con la fase acuta di emergenza sanitaria. Siamo consapevoli che quanto è accaduto avrà ripercussioni sull’economia locale e per questo l’impegno a dare supporto alle famiglie in difficoltà sarà massimo e valuteremo quali altre azioni saranno possibili per riuscire a superare questo difficile momento”.
La soppressione del pagamento dei servizi a domanda individuale di mensa scolastica, trasporto scolastico ed asilo nido relativamente ai primi tre giorni di marzo ha comportato un esonero per complessivi € 10.988,00.

sabato 6 giugno 2020

TURISMO, A MAGIONE NIENTE TASSA DI SOGGIORNO

Darsena_San_Feliciano
Turismo, a Magione niente tassa di soggiorno
Un segnale per aiutare le attività turistiche del territorio nella ripresa dopo l’emergenza sanitaria

Niente tassa di soggiorno per le attività turistiche del Comune di Magione. La decisione presa dall’Amministrazione comunale per aiutare il comparto economico in gravi difficoltà dopo l’emergenza sanitaria da Covid 19.
“Saranno 60 mila euro in meno che entreranno nelle casse comunali – spiegano gli assessori Massimo Lagetti, bilancio, e Daniele Raspati, presidente del consiglio comunale e referente per il turismo e le associazioni – ma in questo momento riteniamo indispensabile attuare misure incisive che possano aiutare questo comparto fondamentale per la nostra economia locale a una veloce ripresa”.
“Una decisione – spiega Lagetti – nel rispetto della normativa vigente e compatibilmente con gli equilibri di bilancio comunale e all’approvazione e messa in opera di una serie di misure di sostegno immediato. La tassa azzera tutte le quote previste dal primo giugno al 31 dicembre 2020”.

“I turisti – prosegue Raspati– stanno tornando lentamente e, grazie anche all’importante lavoro fatto dalle associazioni degli operatori turistici, come l’Urat, siamo certi che la stagione non sarà del tutto compromessa. A questo doppiamo aggiungere che il lago può sicuramente essere una meta in grado di soddisfare i parametri di sicurezza che questo particolare periodo ancora richiede. L’aver annullato la tassa di soggiorno è un incentivo in più che si aggiunge a quello di sospensione del pagamento della Tosap sia per gli spazi già concessi sia per eventuali ampliamenti. Riguardo agli ampliamenti, resi necessari dalle regole sul distanziamento sanitario, stiamo cercando di individuare, per chi non ha la possibilità di allargarsi, di valutare la disponibilità di spazi in prossimità dell’attività”.

“Per quello che riguarda le iniziative estivi organizzati da associazioni e proloco – fa sapere – pensiamo a piccoli eventi che possano interessare i turisti, mantenere la vitalità delle frazioni ma senza situazioni, parlo in particolare di quelle gastronomiche, che metterebbero ancora più in difficoltà le attività del nostro territorio che stanno con fatica, e coraggio, lentamente riprendendosi”.

giovedì 4 giugno 2020

RIDIPINTA E DI NUOVO FRUIBILE LA FREE LIBRARY NELL’AREA VERDE DI AGELLO

free_library_Agelllo
Ridipinta e di nuovo fruibile la free library nell’area verde di Agello
La locale proloco ha risistemato e rimesso nuovi libri per promuovere la lettura tra i più piccoli

MAGIONE 4 giugno 2020 – Ridipinta e rifornita di nuovi libri la free library dell’area verde di Agello. La locale proloco, anche vista la possibilità di poter tornare a leggere all’aperto, ha rimesso a nuovo la piccola libreria che, come altre nel territorio comunale, erano state realizzate in occasione del Maggio dei libri nel 2014 per iniziativa del Circolo didattico di Magione per favorire spazi di lettura fuori dai luoghi canonici.
Il tempo e gli agenti atmosferici avevano danneggiato la piccola casetta colorata in cui i giovani lettori erano abituati a poter prendere gratuitamente testi. I volontari della proloco hanno voluto che questa importante occasione di promozione della cultura non venisse dispersa ridonando al contenitore l’allegria dei disegni e dei colori originari.
“Si tratta di una piccola cosa – spiegano dal consiglio dell’associazione – ma per noi molto forte dal punto di vista simbolico. Il nostro paese vuole con questo gesto dire a tutti i nostri ragazzi e ragazze quanto sia importante leggere e che noi siamo disponibili a sostenere quelle azioni che possono favorirlo. Naturalmente ricordiamo a tutti i nostri piccoli lettori che i libri, una volta letti, vanno rimessi dentro la casetta senza danneggiarli e che tutti possono collaborare lasciandovi libri in buone condizioni”.

sabato 30 maggio 2020

IL 2 GIUGNO A MAGIONE: INIZIATIVE ON LINE PER LA FESTA DELLA REPUBBLICA

Il 2 giugno a Magione: iniziative on line per la Festa della Repubblica
Presentazione di ricerche e studi inediti, in collaborazione con l’Isuc

Una giornata di riflessione storica e civile in occasione della Festa della Repubblica, con la presentazione di ricerche in corso e documenti inediti nel programma organizzato dal Comune di Magione, in collaborazione con l’Istituto per la storia dell’Umbria contemporanea (Isuc).
Iniziative che, in conseguenza delle disposizioni per la sicurezza sanitaria legata alla diffusione del Covid-19, si terranno in diretta sulle pagine facebook Comune di Magione e Magione Cultura.

La giornata si apre alle 10.30 con i saluti istituzionali del sindaco di Magione, Giacomo Chiodini, dalla sala del Consiglio comunale. Seguiranno gli interventi dell’assessore alla cultura Vanni Ruggeri su: Un “miracolo della ragione”: il 2 giugno nel calendario civile degli italiani; del ricercatore Marco Biscardi, (Isuc) su: 1946, le elezioni a Magione nell’anno del voto; e di Francesco Girolmoni, Biblioteca comunale Vittoria Aganoor Pompilj su: La libertà ritrovata: giustizia e democrazia nelle aspettative del neoeletto sindaco Publio Trento Bartoccioni.
“Oggi più che mai – commenta l’assessore Ruggeri che ha seguito l’organizzazione della giornata – non si tratta di celebrare semplicemente un anniversario, ma di tenerne in vita e rinnovarne costantemente i valori, in uno sforzo capace di promuovere partecipazione e conoscenza in forme nuove e non episodiche. 
Per questo, proprio nel contesto istituzionale della giornata, e grazie anche alla collaborazione dell’Istituto per la storia dell'Umbria contemporanea, abbiamo voluto proporre un robusto momento di riflessione storica, con la presentazione dei risultati inediti di importanti ricerche attualmente in corso sulle elezioni del 1946 (costituente, referendum e amministrative), in sede locale e non solo, nella convinzione che la conoscenza del passato sia la via privilegiata per costruire, oggi, autentica e piena cittadinanza”.

CENTRO ESTIVI MAGIONE SI PARTE IL 15 GIUGNO

Asilo_nido_Paperino
Centri estivi a Magione confermata apertura il 15 giugno
Maghini: “un grande lavoro di squadra per consentire ai bambini di tornare a giocare insieme. Sostegni alle famiglie a fronte delle rette pagate”
I Centri estivi a Magione apriranno il 15 giugno. A farlo sapere l’assessore alle attività alla scuola e alle attività sociali, Eleonora Maghini. L’ufficio socio educativo è al lavoro da giorni per poter garantire la ripresa dei centri estivi dal 15 giugno. Attività che riguarderanno in diverso modo tutti i bambini e ragazzi da 0 a 14 anni.
“Quello che ormai era per Magione un qualcosa di consolidato – commenta l’assessore Maghini –, quest’anno andrà completamente ripensato e riorganizzato. Non sarà possibile mettere a disposizione il trasporto che tutte le estati collegava l’intero territorio con i centri estivi organizzati e, non essendo autorizzato nel Decreto ministeriale, non potrà esser attivato il nido d’estate per i bambini di età compresa da 0 a 3 anni”.
“Abbiamo comunque – prosegue – cercato di pensare a tutti, pur nell’incertezza ad oggi di risorse da destinare e procedure certe da seguire oltre alle linee guida”

Per i bambini che non hanno ancora compiuto 3 anni, iscritti al nido e non, rigorosamente accompagnati da un adulto, verranno proposte attività “socializzanti” all’aperto come letture a voce alta, burattini, fiabe cantate, coordinate da operatori specializzati.
“Questo – spiega l’assessore – non è pensato tanto come un sostegno alle famiglie, ma più finalizzato al benessere che i bambini potranno trovare nell’incontrarsi di nuovo dopo mesi di sospensione delle attività educative”.

Verrà organizzato direttamente dall’amministrazione comunale il centro estivo per i bambini da 3 a 6 anni. Oltre a mettere a disposizione due proprie sedi per poter garantire al meglio il distanziamento sociale, la struttura del nido comunale e la scuola dell’infanzia di Casenuove, come di consueto si contribuirà a coprire con i bilanci comunali una parte significativa delle rette.
Per tutti i bambini e ragazzi dai 6 anni in su sarà molto ampia la scelta delle attività private che proporranno centri estivi in tutto il territorio e che già si sono incontrati con l’amministrazione giovedì 28 maggio per programmare insieme la presentazione dei progetti che, sulla base delle linee guida, dovranno essere autorizzati dagli uffici comunali stessi nonché dall’Asl del Trasimeno.
“Una scelta politica forte – conclude – quella di mettere a disposizione risorse comunali cospicue per fronteggiare le spese, inevitabilmente molto più elevate rispetto agli altri anni, che le attività e le famiglie dovranno sostenere. A breve verranno pubblicati due bandi, uno a sostegno delle attività che organizzeranno i centri estivi, con un contributo una tantum, e l’altro a sostegno delle famiglie, come contributo a fronte delle rette pagate”.

martedì 26 maggio 2020

MERCATI SETTIMANALI, SAN FELICIANO SI SPOSTA SUL LUNGOLAGO PER GARANTIRE LE DISTANZE DI SICUREZZA

Lungolago_San_Feliciano
Mercati settimanali, San Feliciano si sposta sul lungolago per garantire le distanze di sicurezza
Per il capoluogo resta in via XX settembre il settore alimentare

Saranno presenti tutte le categorie merceologiche nei prossimi mercati di Magione capoluogo, giovedì mattina, e San Feliciano, venerdì mattina, nel rispetto delle misure di sicurezza, come il distanziamento interpersonale tra i banchi di almeno un metro e il divieto di assembramenti.
Grazie al lavoro dell’ufficio di polizia municipale​, dell'ufficio al commercio​ e dell’assessore al commercio, Silvia Burzigotti, che in questi giorni sono stati impegnati nel valutare le distanze per garantire la massima sicurezza i banchi del settore alimentare torneranno come da tradizione in via XX Settembre mentre in piazza Matteotti troveranno collocazione gli ambulanti degli altri settori merceologici.

Spostamento invece del mercato di San Feliciano sul Lungolago della Pace e del Lavoro, nel parcheggio posto nel tratto posto tra il monumento dell’Avis e il Museo della pesca per non venir meno alle obbligatorie norme di sicurezza.

“Il ritorno di tutti gli ambulanti – osserva l’assessore Burzigotti – è un ulteriore importante passo verso la normalità. Diventano naturalmente ancora più necessari i distanziamenti per evitare assembramenti in modo tale da assicurare massima sicurezza ad ambulanti e clienti. La riapertura, seppur parziale delle settimane scorse ci fa ben sperare visto lo spirito di collaborazione dei cittadini”.
NORME DA SEGUIRE
Al fine di garantire le norme in materia di sicurezza sanitaria è obbligatorio indossare la mascherina e dovranno essere rese disponibili soluzioni igienizzanti per le mani in ogni banco; dovranno essere messi a disposizione della clientela guanti monouso per l’acquisto di alimenti e bevande e in caso di vendita di abbigliamento ​per ​rendere possibile al cliente la scelta della merce in maniera autonoma.

Ogni singolo ambulante dovrà delimitare il proprio banco, con transenne, nastro bicolore o altri strumenti idonei, in modo che vi sia un unico varco di accesso separato da quello di uscita dell’area stessa; all’interno del proprio spazio dovrà assicurarsi di accogliere un numero di persone tale da garantire la distanza di almeno 1 metro tra i clienti; l’operatore dovrà adoperarsi affinché i clienti attendano il proprio turno opportunamente distanziati​.​

CONTROLLI
La polizia municipale effettuerà dei controlli al fine di verificare che le disposizioni previste vengano attuate.

lunedì 25 maggio 2020

BASTA LEGGERE! IL MAGGIO DEI LIBRI A MAGIONE

BASTA LEGGERE! Il Maggio dei Libri a Magione
Tante attività interattive su Facebook, Jitsi, Instagram, Twitter e TikTok, ma dal 2 giugno riaprono anche gli spazi culturali

Parte oggi il ricco programma dell’iniziativa BastaLeggere! organizzata dall’assessorato alla cultura del comune di Magione, in collaborazione con Sistema Museo, nell’ambito della campagna nazionale Il Maggio Dei Libri, nata nel 2011 con l’obiettivo di sottolineare e promuovere il valore sociale del libro quale elemento chiave della crescita personale, culturale e civile, della scoperta del mondo, degli altri, ma soprattutto di se stessi.

Booktrailer e favole in videochat, attività interattive, prima maratona di lettura in streaming, il libro che diventa social anche su Instagram, Twitter e TikTok sono alcune delle tante iniziative in programma per sperimentare creatività e interazione virtuale allo scopo di creare una concreta e capillare rete territoriale che si concluderà domenica 28 giugno con la sottoscrizione del Patto per la Lettura, protocollo di intesa e di alleanza tra Enti Pubblici e altri soggetti pubblici e privati della filiera del libro e della lettura.

Assessore_Vanni_Ruggeri
“Anche sulla scia dell’apprezzamento registrato dall'iniziativa #CoviDiCultura –
spiega Vanni Ruggeri, assessore alla cultura del Comune di Magione  abbiamo pensato a nuove forme di condivisione, di fruizione dei contenuti, di interazione con il pubblico: una fucina di progetti, un palinsesto di appuntamenti e soprattutto una campagna social per parlare del mondo dei libri, anche in contesti e a destinatari diversi da quelli convenzionali”. 
“Naturalmente – prosegue – l’obiettivo è quello di tornare quanto prima a vivere i nostri spazi culturali: Museo della pesca, Torre dei Lambardi e Biblioteca comunale per la cui riapertura abbiamo scelto una data fortemente simbolica, il 2 giugno. Per la biblioteca sarà inizialmente possibile un numero limitato di servizi legati essenzialmente al prestito e alla restituzione, ma all'interno del Maggio dei libri è anche previsto un appuntamento in presenza al teatro Mengoni per la firma del Patto per la Lettura. Il nostro auspicio è che il tempo ri-trovato per leggere durante il lockdown rimanga come una conquista importante da mantenere anche con il ritorno alla normalità. L’ufficio cultura e tutte le persone coinvolte in questi progetti stanno lavorando intensamente affinché il piacere di leggere resti tra le priorità della nostra vita”.

PROGRAMMA
Gli appuntamenti settimanali, sulla pagina facebook Magione Cultura, prevedono il lunedì, alle ore 13, “Segnalibro digitale” consigli di lettura dalla Media Library online (MLOL) la piattaforma di prestito digitale con la più grande collezione di contenuti per tutte le biblioteche italiane; alle 17 prosegue per i più piccoli Favole in videochat a cura di Andreina Panico con la possibilità di prenotare la lettura di racconti personalizzati in videochiamata al numero whatsapp 3356871130.

Il martedì e il venerdì alle 13, è il momento dei quiz con: “Caccia agli Strega!” dove verranno forniti indizi, immagini e identikit per indovinare il libro della settimana vincitore di uno dei più prestigiosi premi letterari italiani; e “Ex libris” invito a indovinare i grandi classici attraverso alcune della pagine più belle. Martedì e giovedì, alle 19 “Scrittura: femminile plurale” incontri con l’intimità della creazione letteraria a cura di Luigina Miccio.

Dedicati ai più piccoli gli incontri di mercoledì pomeriggio, ore 17 con “Storie della merenda” letture animate di Francesco Girolmoni e del sabato mattina “Tante storie per crescere” dove, alle 10.30, Andreina Panico leggerà in diretta favole e racconti destinati ai più piccoli. I due incontri sono realizzati nell’ambito del progetto Nati per leggere.

Il mercoledì alle 19 nello spazio “Booktrailer. Dalla parte del lettore” brevi video di scrittori per raccontarsi o presentare le loro pubblicazioni. Viola Anna Brusco, che leggerà il giovedì alle 17 alcune pagine scelte del romanzo “Le città invisibili” di Italo Calvino, cura la domenica alle 13 anche lo spazio “Alfabeto sottile, poesia sospesa. Le emozioni dalla A alla Z”.
Proseguono gli appuntamenti del venerdì alle 17 con La valigia blu, e le letture in dialetto con l’attore Gianfranco Zampetti il sabato alle 18, mentre domenica alle 17 è la volta di “Voci a confronto. Interviste con i protagonisti del mondo del libro: scrittori, saggisti, editori, editor, traduttori, librai, bibliotecari, critici letterari, ma anche personaggi della cultura.



Alla programmazione settimanale si aggiungono gli eventi di venerdì 29 maggio, alle 17, “Jitsi Meet Book” per la creazione di un virtuale Circolo dei lettori con l’obiettivo di proseguire gli incontri dal vivo quando sarà terminata l’emergenza da Coronavirus.
L’omaggio allo scrittore Gianni Rodari, di cui ricorrono i cento anni dalla nascita, venerdì 5 giugno alle 11, con “La grammatica della fantasia”.
“Leggo di notte” è la maratona di lettura in programma venerdì 12 giugno, con inizio dalle 20.30. Il libra da leggere verrà scelto tra una serie di proposte fatte al pubblico dei lettori.




Tanta l’interattività con la campagna “Social book” che tende ad ampliare la platea dell’utilizzo degli strumenti social non solo alla piattaforma facebook, che resta il palinsesto principale di raccolta di iniziative e informazioni, ma anche ad altri social in particolare: Istagram dove con #DoveComeQuando si invitano ii lettori a postare una foto mentre si è intenti a leggere; “Cover lover” si rivolge agli utilizzatori di Twitter e gioca sulla copertina dei libri, c’è poi il social più giovane Tik Tok con la proposta di ideare videostory ispirate ai libri in qualsiasi modo la si voglia declinare. I contenuti saranno poi ricondivisi sulle pagine facebook Magione cultura e Musei di Magione.












Due gli appuntamenti di stringente attualità: quello di venerdì 19 giugno, alle 18.30 con “Libri all’Indice, libri al rogo da Gutenberg a Wikipedia” e domenica 29 giugno, alle 11 “Tra libri elettronici e biblioteche digitali” Il futuro prossimo dell’editoria. Virtual meeting con i protagonisti del mondo del libro.

INVESTIAMO SUL FUTURO. È ONLINE IL BANDO PER LA BORSA DI STUDIO PROMOSSA DALLO STUDIO INTEGRA 2020

Avvocato_Alessandro_Sorci
Investiamo sul futuro. È online il bando per la borsa di studio 2020 promossa dallo studio INTEGRA
Destinata ai maturandi dell’anno scolastico in corso che vorranno iscriversi ai corsi universitari in materie economiche e giuridiche

Pubblicato sul sito www.integraassociati.it, alla sezione Scholarship, il bando per accedere alla borsa di studio INTEGRA 2020 di 1500 euro riservata ai maturandi dell’anno scolastico in corso che vorranno iscriversi ai corsi universitari in materie economiche – giuridiche nell’anno accademico 2020 – 2021.

Per l’ammissione al bando di concorso gli studenti dovranno trovarsi nelle seguenti condizioni: essere residenti e domiciliati nel Comune di Magione (Perugia); essere in possesso del diploma di maturità di scuola secondaria; non avere compiuto il 20° anno di età al momento del deposito della domanda di ammissione al bando; aver conseguito il titolo di studio per l’ammissione al relativo corso universitario con una votazione non inferiore a 90/100; non aver subito condanne penali e non avere procedimenti penali in corso. 

Il termine per l’inoltro delle domande di ammissione al concorso è fissato per il 31 luglio 2020.

La decisione dello studio Integra commercialisti avvocati consulenti del lavoro di istituire la borsa di studio nasce dalla volontà di favorire l’interesse verso le materie economiche e giuridiche anche a seguito del rapporto di proficua collaborazione istauratosi con il personale docente dell’Istituto tecnico economico tecnologico “Aldo Capitini” di Perugia con il progetto “alternanza scuola/lavoro”.
Il progetto Integra Scholarship era stato presentato nel mese di gennaio nella sede di Magione di Integra dall’avvocato Alessandro Sorci, socio fondatore dello studio, alla presenza del sindaco Giacomo Chiodini, del dirigente scolastico Silvio Improta e delle docenti Marta Boldrini ed Ercolani.

CIMITERO SAN FELICIANO. REALIZZATA LA NUOVA GRADINATA

Cimitero_San_Feliciano
Cimitero San Feliciano, realizzata la nuova gradinata
Si tratta di un'opera che consentirà di accedere dal lato nord in maggior sicurezza grazie anche al posizionamento di un corrimano
 
Conclusi i lavori per la risistemazione della scalinata di accesso al cimitero di San Feliciano, Magione, dal lato nord. Nel tempo, quella che era una serie di gradoni costituiti da ciottolame si era trasformata, anche causa delle piogge che avevano provocato lo sgretolarsi dei gradini, in una scarpata scivolosa e pericolosa per accedervi.

“Da tempo – spiega il presidente del consiglio comunale, Daniele Raspati, residente nella frazione lacustre –, sollecitavamo questo intervento e già da dicembre dello scorso anno, con l’assessore Ollieri e l’ufficio lavori pubblici, si era iniziato a programmare l’intervento. Come per tutti gli altri settori, la situazione sanitaria causata dal diffondersi del Coronavirus ha provocato l’interruzione dei lavori che sono stati ripresi con il concludersi di questa fase dell’emergenza”.

“Si tratta di un intervento sicuramente minore – aggiunge l’assessore ai lavori pubblici, Massimo Ollieri – ma molto importante perché consente alle persone di accedere al cimitero finalmente in sicurezza anche grazie al posizionamento di un corrimano”. “Con l’occasione – fa sapere – sono state anche risistemate delle lastre in travertino di alcune vecchie lapidi che il tempo aveva fatto cadere”.

Messo in sicurezza invece l’altro passaggio posto a lato della Madonnina di cui rimane, per il momento, vietato l’accesso.

venerdì 22 maggio 2020

CONTINUA LA SOLIDARIETÀ ALIMENTARE GRAZIE ALLA COLLABORAZIONE TRA COMUNE, CARITAS E MISERICORDIA

Caritas_Magione
Continua la solidarietà alimentare grazie alla collaborazione tra Comune, Caritas e Misericordia
Dopo l’esaurimento dei "buoni spesa" proseguono gli aiuti alle famiglie in difficoltà. Contagio invariato a Magione

La solidarietà non si ferma. Dopo l'esaurimento dei quasi 100mila euro del fondo governativo destinato ai "buoni spesa", integrato con una parte di donazioni raccolte dal Fondo di solidarietà comunale, i bisogni alimentari delle famiglie più in difficoltà rimangono. Anzi tendono ad aumentare.
“È per questo davvero encomiabile – commenta il sindaco Giacomo Chiodini nella sua relazione serale sulla situazione sanitaria a Magione legata al Coronavirus – lo sforzo della Caritas Parrocchiale Magione in questi giorni, con aiuti distribuiti a circa 150 persone solo nell'ultimo mese. Le richieste ai volontari sono raddoppiate rispetto a prima dell'emergenza e arrivano con ritmo elevato: circa 150 pacchi al mese fin da marzo”.
“Anche per questa ragione
– spiega il primo cittadino ringraziando Francesca Panico, responsabile di Caritas Magione, e Don Stefano Orsini che ha sempre sostenuto questa realtà con donazioni provenienti dalle funzioni religiose – Caritas ha dovuto integrare gli alimenti provenienti dal Banco alimentare Umbria onlus con quelli dei carrelli presenti nei supermercati della zona e, in piccola parte, con quelli acquistati grazie al Fondo di solidarietà comunale”.
Dal fondo, costituito grazie alle donazioni di privati e gestito dai servizi sociali del Comune di Magione assieme alla Misericordia Magione e la stessa Caritas, sono stati consegnati pacchi alimentari a circa 25 famiglie. Sono stati inoltre distribuiti buoni spesa validi in diversi supermercati della zona per l'acquisto di prodotti più specifici per l'infanzia o l'igiene o prodotti freschi. Il fondo è stato al momento utilizzato per un 1/3 delle sue disponibilità. Si prevede però un aumento delle richieste nelle prossime settimane, anche se la cassa integrazione e il bonus autonomi sembrano ormai arrivati a quasi tutti i destinatari.

Per la massima trasparenza di questi aiuti tutto avviene nella collaborazione e condivisione degli interventi tra servizi sociali comunali, Caritas e Misericordia. Nel fine settimana sarà fatto un report a consultivo delle spese effettuate con questo strumento.

Il quadro sanitario a Magione vede un positivo asintomatico, 20 guariti, 6 in isolamento, 483 in isolamento concluso.

giovedì 21 maggio 2020

PROSEGUONO I LAVORI SULLA PIEVAIOLA ALL’ALTEZZA DEL BIVIO DI AGELLO

Agello_Lavori_Pievaiola
Proseguono i lavori sulla Pievaiola all’altezza del bivio di Agello
Si tratta di un'opera di adeguamento della viabilità e diverse rotatorie di alleggerimento del traffico

Proseguono all’altezza del bivio di Agello i lavori della Provincia di Perugia, settore viabilità, per l'adeguamento della Pievaiola

Si tratta di un'opera di adeguamento della viabilità della SR220 con diverse rotatorie di alleggerimento del traffico e di messa in sicurezza degli incroci più pericolosi.

Progetto_rotatoria_Agello


Sulla linea di confine tra Perugia e Magione sarà realizzata, anche se bisognerà attendere ancora qualche mese, una maxi rotatoria di servizio per la zona che intercorre tra il carcere di Capanne e il bivio per Agello e per la sua area artigianale. Un'opera che ha impiegato anni a maturare ma che renderà l'accesso al capoluogo di Regione più rapido e sicuro.

A Magione numeri stabili per quello che riguarda la situazione sanitaria con un positivo asintomatico, 20 guariti, sei in isolamento, 481 isolamento concluso.

lunedì 18 maggio 2020

LE ASSOCIAZIONI DI MAGIONE COINVOLTE NELLA CONSEGNA DI MASCHERINE

proloco_5_Mulini_consegna_mascherine
Le associazioni di Magione coinvolte nella consegna di mascherine
Burzigotti e Maghini: “Lo scopo è raggiungere le situazioni di maggiore difficoltà in tutto il territorio comunale”

“Un’importante collaborazione tra associazioni e amministrazione comunale per garantire la distribuzione su tutto il territorio comunale di mascherine” afferma l’assessore del comune di Magione Silvia Burzigotti.
“Ancora una volta – spiega l’assessore Burzigotti – il nostro territorio dà dimostrazione di quanto sia forte la rete sociale che ci caratterizza, e che si è ulteriormente rafforzata in questa fase di emergenza. Tra le ultime azioni messe in campo c’è quella della distribuzione delle mascherine che ci sono state fornite dalla Protezione civile. Per essere certi di poter coprire tutto il territorio comunale abbiamo chiesto la collaborazione delle proloco che hanno risposto in maniera molto positiva. Al momento la fornitura è di circa 3mila pezzi. Per riuscire ad acquistarne un numero maggiore abbiamo partecipato ad un bando della Fondazione cassa di Risparmio di Perugia che ci auguriamo dia esito positivo. Con questa modalità siamo passati da una consegna più generalizzata, quale quella effettuata in un primo momento dagli uffici dei servizi sociali e poi dalla Misericordia, già impegnata in tante altre attività per l’emergenza, a una consegna più capillare”.
“Le mascherine, di vario tipo, – aggiunge l’assessore ai servizi sociali, Eleonora Maghini – sono state consegnate alle proloco nella sede del Coc allestito nell’edificio della Misericordia. L’aver coinvolto le associazioni territoriali, visto che questa prima fornitura non sarà sufficiente per tutti, ci consentirà di effettuare le consegne alla parte di popolazione più sensibile (over 65 o persone con problemi economici/sociali)”.

(nella foto la consegna di mascherina della proloco 5 Mulini)

venerdì 15 maggio 2020

SCRITTURA E TERAPIA. COSÌ NASCE IL LIBRO DI DANIELE NUCCIARELLI “PARTENDO DAL FIUME”

Scrittura e terapia. Così nasce il libro di Daniele Nucciarelli “Partendo dal fiume”
Un racconto in cui i personaggi riscoprono se stessi grazie alla meraviglia di un percorso immaginario nella natura

 “Scrivi usando la capacità immaginativa. Questo mi fu chiesto di provare a fare. E così, un po’ per scherzo, un po’ per dovere, iniziai a scrivere ma, giorno dopo giorno, mi resi conto che era il mio io più profondo a dettare la storia. La mano andava da sola suggerita dall’anima”. Così il trentenne agellese Daniele Nucciarelli (nella foto) spiega il suo incontro con la scrittura a seguito del “viaggio” intrapreso con il dottor Alberto Massarelli che ha portato alla pubblicazione del libro “Partendo dal fiume” edito con la casa editrice Kimerik.
Nato ad Agello, dove vive e lavora, Daniele perde all’età di ventuno anni la madre per una leucemia. “Allora – spiega – non compresi quanto quel dolore fosse profondo. La mia vita scorreva normale poi, di colpo, sono iniziate le paure, le incertezze, fino a un vero e proprio disagio che mi ha portato ad iniziare un percorso di analisi. In quel periodo difficile lessi “Avere o essere” di Erich Fromm. Lettura fondamentale da cui sono partito per rivedere tante cose della mia vita, specialmente per capire a fondo chi fossi realmente. Ciò non bastò e per aiutarmi a esprimere quello che provavo il mio analista mi consigliò di dedicarmi a qualcosa di artistico. Io scelsi la scrittura”.
“All’inizio – ricorda – non fu facile. Lavoravo tutto il giorno e la sera scrivevo fino a tardi ma, a un certo punto, ho sentito che i pensieri si formavano da soli nella mia mente. Proprio come un fiume la storia ha iniziato a crescere. Sono arrivati i due personaggi Leo e Gianni, che, naturalmente, sono le due parti di me che, a un certo punto della vita, si sono separate. Del resto tutto questo lungo racconto è autobiografico. Amo molto la natura e solo lì una parte di me stesso poteva ritrovarsi. Per questo Gianni decide di scappare di casa e rifugiarsi nel bosco. Vivere a contatto con la natura lo aiuterà a capire il senso della vita e a recuperare il rapporto con i genitori. Tornato a casa con una nuova consapevolezza, Gianni vorrà condividere la sua esperienza di crescita con l'amico di sempre. Così i due ragazzi intraprendono un nuovo viaggio, e partendo dal fiume, affronteranno insieme il bosco alla riscoperta della vita”.
“Un viaggio – racconta - che ho paragonato a quello di Ulisse, fatto di fortune e peripezie, perché tutti affrontiamo nella vita, in diversa maniera, avventure o dolori dentro e fuori di sé e non sempre, purtroppo, sono belli. Io ho avuto la fortuna di trovare questo strumento per raccontarmi e ritrovare il mio equilibrio. Ora spero che il racconto di questa esperienza possa servire ad altre persone come spunto per ripartire dopo un momento negativo della propria vita e, questo lo spero tanto, che il libro venga venduto perché tutto il ricavato andrà alla fondazione Daniele Chianelli in ringraziamento di tutto il bene avuto per mia madre”.

“Pensavo che lo scrivere mi abbandonasse dopo questo libro – conclude – ma questa quarantena è stata occasione per costruire nuovi racconti futuri”.

mercoledì 13 maggio 2020

RIPARTE A BREVE IL TRATTAMENTO ANTI CHIRONOMIDI SULLE SPONDE DEL LAGO IN VISTA DELL'ESTATE

hovercraft
Riparte a breve il trattamento anti chironomidi sulle sponde del lago in vista dell'estate
Contagio stabile a Magione. Dal 18 maggio torna la messa a ‘porte aperte’ ma a capienza ridotta

 Riparte a breve il trattamento anti chironomidi sulle sponde del lago in vista dell'estate
L'intervento, dal costo annuale di oltre centomila euro, è finanziato per 2/3 dalla Regione Umbria e per 1/3 dall'Unione dei Comuni del Trasimeno. Quest'ultima ha deliberato di anticipare le risorse necessarie per poter partire con il trattamento nei tempi più giusti
Per il trattamento preventivo contro la presenza eccessiva di chironomidi, i fastidiosi moscerini di lago, verrà utilizzato anche l'hovercraft del servizio prevenzione e igiene di USL Umbria 1. Un intervento biologico che mira a contenere la presenza di insetti durante i mesi più caldi. A terra sono in fase di allestimento le "tofolamp", elemento importante nella strategia di contenimento. Insieme alle manutenzioni dell'anello ciclopedonale e dei lungolago, la lotta ai chironomidi è una parte della "promozione" del territorio.

Dal 18 anche a Magione riapriranno le chiese per le funzioni religiose. Le messe potranno essere celebrate con capienza di persone ridotta e garantendo la distanza interpersonale. La comunione sarà distribuita con guanti monouso e con la mascherina a coprire naso e bocca. Non si potrà fare lo scambio della pace.

Stabili a Magione i dati del contagio con: 2 positivi asintomatici, 19 guariti, 8 in isolamento e 429 isolamento concluso.

martedì 12 maggio 2020

COVID19 ANCHE LA SETTIMANA MAGIONESE E IL PALIO DEL GIOGO CANCELLATI PER L'EMERGENZA

Partenza_Rioni_Palio_del_Giogo
Covid-19 anche la Settimana Magionese e il Palio del Giogo cancellati per l’emergenza
Dopo la rinuncia del Festival delle bande e della Sagra del pesce sfilettato un’altra importante manifestazione del territorio non si farà

Anche la Settimana Magionese e il Palio del Giogo, che quest’anno avrebbe festeggiato la sua 40° edizione, cancellati dai programmi estivi del territorio comunale di Magione a causa dell’emergenza sanitaria da Coronavirus e delle misure restrittive messe in atto per fronteggiarne la diffusione. A darne la comunicazione, sul proprio sito internet, il consiglio dell’associazione turistica pro loco Magione che ne è l’organizzatrice.
“È stata una decisione sofferta – ha dichiarato il presidente dell’associazione Andrea Biagini – ma purtroppo non abbiamo potuto fare diversamente, dato che ad oggi non sappiamo ancora quali saranno le misure da adottare per poter garantire la sicurezza di tutti. La Settimana Magionese ed il Palio, che quest’anno avrebbe indossato una nuova veste per l’anniversario, devono essere un momento di unione, non di allontanamento. Vogliamo anche rispettare le attività locali, specie quelle legate alla ristorazione, che stanno subendo il duro colpo della chiusura forzata”.
Una decisione che vedrà i componenti del consiglio impegnati a sostenere iniziative che potranno essere proposte nel territorio se le condizioni di sicurezza e cambiamenti nelle disposizioni ministeriali lo permetteranno.

Una notizia che fa seguito ad altre due organizzazioni che hanno deciso, sempre a seguito dell’emergenza sanitaria, di annullare le manifestazioni che annualmente organizzano. Si tratta della proloco di Sant’Arcangelo che, attraverso la propria pagina fb ha dato la comunicazione scrivendo: 
“abbiamo aspettato, sperato fino all'ultimo. A malincuore con grande dispiacere siamo stati costretti a prendere questa decisione. Le rigide norme di sicurezza, le regole di distanziamento imposte, i molteplici ostacoli burocratici e soprattutto la sicurezza per la nostra salute ci hanno indotto ad annullare per quest'anno la nostra 38° Sagra. Stiamo attraversando un periodo difficile dove il futuro è ancora incerto, ma siamo fiduciosi e sicuri che comprenderete tutti la nostra sofferta decisione e nella speranza di ritrovarci tutti insieme ancora più motivati e vicini con lo spirito che sempre ci ha contraddistinto vi diamo appuntamento al 2021”.
Appuntamento al 2021 anche per il Festival delle bande e delle majorettes che si sarebbe dovuto tenere nel mese di luglio ma con la disponibilità da parte degli organizzatori, la Filarmonica Giuseppe Biancalana, di poter garantire piccoli momenti ricreativi se le condizioni di sicurezza lo consentiranno.

Tra le altre iniziative annullate anche i festeggiamenti per il XXV del Ss. Crocefisso di Antria.

MERCATI SETTIMANALI: TUTTO BENE MAGIONE E SAN FELICIANO

Mercato_San_Feliciano
Mercati settimanali: tutto bene a Magione e San Feliciano

Qualche preoccupazione per il rischio di assembramenti nel week end al Trasimeno

Partenza positiva per la ripresa dei mercati settimanali di Magione capoluogo, in piazza Giacomo Matteotti, che si tiene il giovedì mattina e per quello di San Feliciano il venerdì.  
“Un mercato solo alimentare e con distanze ampliate – spiega l’assessore alle attività produttive Silvia Burzigotti - che ha visto un regolare afflusso di gente che finalmente ha potuto iniziare a rivivere una forma di normalità. La collaborazione tra uffici comunali e ambulanti, assieme all'accortezza degli avventori, ha garantito un movimento ordinato e pienamente rispettoso delle regole”.
Preoccupazione invece per il rischio assembramenti al Trasimeno nel weekend che si prospetta all’insegna del bel tempo e che potrebbe, di conseguenza, invitare anche persone provenienti da fuori comune a frequentare le rive del lago. Si ricorda pertanto che non sono permessi: picnic, prendere la tintarella in spiaggia o in altre aree pubbliche, assembramenti di qualunque genere, attività ludiche o ricreative, sport di squadra. Si può invece, se si è in possesso della licenza di pesca, pescare da soli, quindi non in compagnia di amici o parenti.

Gli agenti della polizia municipale, coordinata e indirizzata dal comandante Mario Rubechini e dal vicesindaco con delega Massimo Lagetti, al fine di garantire la sicurezza sanitaria di tutti, continuerà ad esercitare, come sempre dall'inizio dell'emergenza, la massima severità rispetto a comportamenti superficiali o pericolosi per sé e per gli altri al fine di non rendere vani i sacrifici fatti fino ad ora per la superficialità di poche persone.

Il quadro sanitario a Magione nella giornata odierna è il seguente: un positivo ricoverato, 19 guariti, 5 in isolamento, 392 isolamenti conclusi.

Nella foto mercato San Feliciano

LAVORI PUBBLICI: OLTRE 4MILIONI DI EURO INVESTITI PER SCUOLE, SPORT E PISTA CICLOPEDONALE



Lavori_pubblici_Antria
Lavori pubblici: oltre 4milioni di euro investiti per scuole, sport e pista ciclopedonale
La fase di emergenza non ha fermato l’ufficio lavori pubblici e la squadra degli operai comunali che hanno mandato avanti diversi cantieri

 La fase di emergenza non ha fermato l’ufficio lavori pubblici del comune di Magione cosi come la squadra degli operai comunali che ha continuato, seppur rallentati a causa delle misure restrittive di protezione, a garantire manutenzioni e potature. 
 
Nel rispetto delle norme previste dai decreti ministeriali, l’ufficio ha mandato avanti i seguenti cantieri: riqualificazione del centro storico di Antria, riqualificazione impiantistica del palazzetto dello sport, messa in sicurezza dei plessi scolastici di San Feliciano e Soccorso. Per complessivi 400mila euro.

Nei prossimi tre mesi partiranno i lavori per la realizzazione della nuova scuola di Caserino, riqualificazione del campo sportivo di Agello, la riqualificazione dei borghi storici di Monte del lago e Montecolognola. Per un investimento complessivo di 2,5 milioni di euro.
I primi di giugno inizieranno i lavori di ampliamento della scuola di Soccorso per ulteriori 200mila euro.
Nella seconda metà dell'anno gli sforzi saranno concentrati sui percorsi ciclopedonali da Torricella San Feliciano 910.000, e per la riqualificazione impianti sportivi di Magione (700mila euro).
“I nostri uffici e la nostra squadra di operai non si sono mai fermati – commenta Massimo Ollieri. assessore ai lavori pubblici – sia mandando avanti quei cantieri che in base ai decreti potevano essere aperti, sia proseguendo nella progettazione e nel mandare avanti le pratiche in vista di un ritorno alla normalità”. “Un investimento di oltre 4miioni di euro – prosegue – non rappresentano solo un miglioramento delle strutture, pensiamo ad esempio al Palazzetto dello sport; non è solo offrire luoghi più idonei alle attività dei nostri figli come le scuole o migliorare i nostri centri storici rendendoli più godibili anche creando modalità diverse di visita come la pista ciclopedonale. A tutto questo, di rilevante importanza, si aggiunge un elemento che in questo momento rappresenta un importante valore aggiunto: un aiuto al rilancio dell’economia locale”.

CONSIGLIO COMUNALE UNITO PER AFFRONTARE L’EMERGENZA CORONAVIRUS

Consiglio_comunale_Magione
Consiglio comunale unito per affrontare l’emergenza Coronavirus
Voto a favore di minoranza e maggioranza per la risoluzione unitaria sulle linee di indirizzo a sostegno della ripartenza

Scelta unitaria per la risoluzione da presentare nell’ultimo consiglio comunale per i gruppi di maggioranza, “Magione Viva”, e minoranza “Tutti per Magione”, relativa alle linee di indirizzo da tenere a sostegno della ripartenza a seguito dell’emergenza Coronavirus.

La decisione di unificare le due mozioni, presentate in precedenza separatamente dai due gruppi consiliari, è frutto della volontà e dell’impegno di tutti i Consiglieri e del confronto tra i due capigruppo: Cristina Tufo per la maggioranza e Marco Menconi per la minoranza con la decisiva collaborazione di tutti i consiglieri comunali.
La risoluzione, che ha per oggetto “Emergenza coronavirus-Linee di indirizzo per la ripartenza”, parte dall’analisi del forte impatto che la crisi economica conseguente al lungo periodo di chiusura per scongiurare il diffondersi del virus, sta avendo sulle attività produttive, attività commerciali e turistiche del territorio.

Quello che tutti i consiglieri comunali, in maniera congiunta, chiedono è un piano di misure di carattere economico e generale che, tenendo conto delle disponibilità di bilancio, possano sostenere il comparto economico locale.

In particolare viene chiesto di intervenire sulla Tari con riduzioni per le attività economiche; introduzione di nuove soglie di esenzione Isee per le famiglie e, in particolari casi, proroghe dei termini di pagamento per famiglie e imprese.

Per la Tosap: annullamento per il 2020 o decurtamento per il periodo di non utilizzo dello spazio pubblico; aumento, dove possibile, degli spazi per garantire le distanze di sicurezza senza ulteriori aggravi; sconti per chi non ha questa possibilità.

Per il settore del turismo viene chiesto di incrementare i servizi finalizzati alla fruizione del verde pubblico e abolizione della tassa di soggiorno per il 2020. I capigruppo chiedono inoltre che venga avviata, di concerto con l’Unione dei comuni del Trasimeno, un’analisi approfondita che possa portare a misure di sostegno per il settore turistico ricettivo anche nell’anno 2021 sempre nell’ottica di una visione di “area Trasimeno”.

Contributo affitto per le attività economiche rimaste chiuse in questo periodo tramite la definizione di un bando per accedervi.

Le proposte tengono conto del fatto che le risorse comunali saranno per la maggior parte legate ai provvedimenti del governo centrale e pertanto, fino all’uscita del decreto di maggio, non sarà possibile quantificare le somme che saranno a disposizione dell’ente comunale.

In base ai tempi e alle modalità della ripresa delle attività, dopo la valutazione delle misure adottate (per ora in analisi la sospensione dei mutui e la facoltà di utilizzo degli avanzi 2019), e a seguito della conoscenza degli stanziamenti per l’emergenza sul prossimo decreto legge, i gruppi effettueranno successive valutazioni per proporre ulteriori misure di sostegno alle attività economiche.

MASCHERINE E GUANTI PER L'EX-OSPEDALETTO DAL ROTARY CLUB PERUGIA TRASIMENO

Rotary_Consegna_Mascherine_guanti_exOspedaletto
Mascherine e guanti per l’Ex-ospedaletto dal Rotary club Perugia Trasimeno
Anche il Rotary club Perugia Trasimeno costantemente attivo per dare un supporto a chi è in prima linea nell’emergenza Coronavirus.

Rientrano tra le azioni portate avanti dai rotariani in questo periodo la donazione fatta di mascherine FP2 guanti all’ ex-ospedaletto di Magione che ospita. La struttura, di proprietà del Comune e gestita dall'Azienda USL Umbria 1, ospita persone con gravi disabilità.
“Come Rotary – spiegano – abbiamo cercato di dare un nostro piccolo contributo in questa difficile fase preoccupandoci di fornire materiale che possa garantire una maggior sicurezza per gli operatori e per le persone, in questo caso ancora più fragili, che vi risiedono”.
La consegna è stata effettuata dal socio Fabio Corsaro per conto del presidente, dottor Giuseppe Lomurno medico nella struttura ospedaliera di Perugia.

giovedì 30 aprile 2020

TRASIMENO – AMBIENTE, IL COVID HA INFERTO UN DURO COLPO ALL’OASI LA VALLE

Maddalena_Chiappini_iniziative_Oasi
Trasimeno – Ambiente, il Covid ha inferto un duro colpo all’Oasi La Valle

Chiappini: “riapriremo per un solo mese, poi si vedrà”. Ruggeri: "riattivare la passerella potrebbe rappresentare sicuramente una delle risposte più efficaci"



All’Oasi la Valle di San Savino (Magione) sono tornate le cannaiole. Un esemplare di Acrocephalus scirpaceus, inanellato nell’estate del 2018, è appena giunto dall’Africa Subsahariana, dopo aver affrontato un viaggio di ben quattromila chilometri. Per loro l’ingresso all’area naturalistica non è interdetto e ben volentieri sembrano voler far ritorno a casa. Per tutti gli altri, personale, studenti, semplici turisti, non è la stessa cosa.

È dal 22 febbraio che i cancelli de La Valle sono sbarrati, e per una realtà già molto traballante, da tempo in cerca di rimettersi in carreggiata, questa data sembra quasi segnare un punto di non ritorno.

Fino ad allora l’Oasi, secondo quanto riferisce la responsabile Maddalena Chiappini, aveva ospitato 700 studenti e guardava all’anno appena iniziato con un cauto ottimismo. Erano in piedi accordi con diverse agenzie di viaggio e le prospettive turistiche per il Trasimeno sembravano promettere bene.


Poi, quasi all’improvviso, tutto si è fermato “e da allora l’unica certezza - è lo sfogo di Chiappini – è che le scuole

Ingresso_Oasi_La_valle

non potranno farci visita e anche per i turisti i problemi non saranno di poco conto”. E allora cosa fare? 
“In quattro anni – prosegue Chiappini – questo per noi è il secondo drammatico stop: prima la chiusura della passerella, poi appunto la pandemia che ci sta procurando un danno economico incalcolabile. Nel frattempo la struttura che abbiamo in gestione si invecchia e senza un referente istituzionale i costi per eventuali interventi ricadrebbero sulle nostre spalle”.“Siamo molto indecisi sul da farsi – rivela -. Faremo un ultimo tentativo, parziale e di breve durata. Proveremo a riaprire le porte, ma solo il sabato e la domenica. Probabilmente questo avverrà da sabato 23 maggio a domenica 28 giugno, per la durata di un mese. Al termine di questa breve parentesi tireremo le somme e prenderemo le nostre decisioni”.
ASSESSORE VANNI RUGGERI
 “L’oasi La Valle – commenta l’assessore all'urbanistica del Comune di Magione, Vanni Ruggeri   costituisce da sempre la porta d’accesso al parco naturale del Lago Trasimeno, e come tale ha saputo rapidamente accreditarsi come risorsa imprescindibile per attività che spaziano dal turismo sostenibile, alla ricerca scientifica, all’educazione ambientale. Essa è al centro degli itinerari culturali dell’intero territorio lacustre, oltre a costituire un attrattore strategico su scala regionale, ma oggi più che mai ha urgente necessità di una normalizzazione della situazione gestionale che sconta da troppo tempo gli effetti di un’empasse istituzionale tra Regione e Provincia e per sciogliere la quale il Comune di Magione si è già proposto come parte attiva, al fine di addivenire ad una presa in carico d’uso delle varie pertinenze patrimoniali e demaniali in capo all’Unione dei Comuni dei Trasimeno. È inoltre essenziale, proprio in questa fase, assicurare il più ampio impegno possibile nel perseguire ogni azione volta a far convergere progettualità e risorse per dare risposta all’annosa questione della chiusura della passerella, simbolo non solo dell’Oasi, ma icona di tutto il Trasimeno: riattivare la passerella potrebbe rappresentare sicuramente una delle risposte più efficaci per il superamento della difficile situazione imposta al comparto turistico lacustre dall’emergenza in atto”
Nelle foto. ingresso Oasi La Valle /attività precedenti la chiusura

mercoledì 29 aprile 2020

MAGIONE: ARRESTATO 1 CITTADINO ITALIANO PER DETENZIONE AI FINI DI SPACCIO DI SOSTANZE STUPEFACENTI.

Arrestato dai carabinieri di Città della pieve un cittadino italiano per detenzione di droga
Con l'ausilio dell'unità cinofila rinvenuta la sostanza stupefacente all’interno di una piccola officina

Rinvenuta dai Carabinieri della Compagnia di Città della pieve, con l'ausilio dell'unità cinofila la presenza di sostanza stupefacente all’interno di una piccola officina ricavata in un annesso in lamiera vicino all’abitazione principale, tenuta chiusa a chiave, di cui un 37enne italiano, disoccupato, gravato da pregiudizi di polizia, ne rivendicava l’unico ed esclusivo utilizzo. 

Gli agenti, ottenuto dall’a.g. inquirente un apposito decreto con l’ausilio di una unità cinofila del nucleo di Firenze, rilevatosi di fondamentale importanza, hanno effettuato una perquisizione nei confronti dell’uomo da parte del personale del nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Città della Pieve, coadiuvati nelle operazioni anche da personale della stazione carabinieri di Magione.

Il fiuto del cane antidroga si è dimostrato infallibile e nonostante la difficoltà dell’ambiente ha subito segnalato la presenza di sostanza stupefacente all’interno di una piccola officina ricavata in un annesso in lamiera vicino all’abitazione principale del soggetto, tenuta chiusa a chiave, e di cui il reo ne rivendicava l’unico ed esclusivo utilizzo. La successiva opera di perquisizione esperita dagli operanti ha permesso di recuperare due scatole metalliche: una piccola contenente al suo interno gr.1 di sostanza stupefacente e una più grande nella quale era custodita sostanza stupefacente dello stesso tipo (marijuana) per un peso di gr.40.

Le operazioni hanno altresì permesso di recuperare due bilancini di precisione e due sacchetti in cellophane trasparenti del tipo di quelli utilizzati per il confezionamento sottovuoto degli alimenti, contenenti al loro interno residui di sostanza stupefacente e tali da far - verosimilmente - supporre che il giro di “affari” posto in essere dall’arrestato non fosse di lieve entità.
Arrestato in flagranza di reato l'uomo e stato condotto presso la Compagnia Carabinieri di Città della Pieve e trattenuto nelle celle di sicurezza in attesa del Giudizio direttissimo  che si è celebrato  davanti al Tribunale ordinario di Perugia, che, nel convalidare l’operato dei Carabinieri,  ha imposto al cittadino l’obbligo di dimora ed il divieto di allontanamento dal Comune di Magione.




I Carabinieri della Compagnia di Città della Pieve hanno intrapreso, da tempo, sul fronte della lotta alla droga, una mirata ed efficace campagna info-operativa atta a raccogliere elementi finalizzati ad implementare una più ampia attività di indagine e quindi inibire l’attività illecita dei soggetti che gravitano nell’area di competenza e che sfruttano tali, illecite attività.

Nella foto il capitano della Compagnia di Città della Pieve Andrea Caneschi